Immatricolazioni auto: + 3,4% in Europa nel 2017 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Immatricolazioni auto: + 3,4% in Europa nel 2017

Da sole, le vendite registrate in Italia, Germania, Spagna, Francia e Regno Unito rappresentano il 75% delle immatricolazioni europee totali.
di Redazione

Nel 2017 le immatricolazioni auto in Europa sono aumentate del 3,4% rispetto al 2016, superando le 15milioni di vetture registrate. È quanto rilevato a fine anno dall’Acea, l’associazione delle case automobilistiche europee (European Automobile Manufacturers’ Association).

Più precisamente le auto nuove immatricolate sono state 15.631.687 e, nonostante la buona performance rilevata per l’intero anno, a dicembre le rilevazioni hanno osservato un calo del 4,8% rispetto allo stesso mese del 2016, scendendo a 1.136.552 unità immatricolate.
Una diminuzione legata al ribasso osservato in gran parte dei Paesi dell’area. Tra le grandi economie solo la Spagna ha riportato una crescita (+6,2%), mentre diminuzioni sono state rilevate in Francia (-0,5%), Germania (-1%) e Italia (-3,2%). Preoccupa il trend che sta interessando il Regno Unito: il -14,4% registrato a dicembre è il nono calo consecutivo. Una serie di risultati che hanno comportato la prima flessione delle immatricolazioni britanniche da sei anni a questa parte. L’ACEA parla di un -5,2%.
Diverso, invece, il risultato messo a segno dall’Italia. Nell’arco dei dodici mesi appena passati le immatricolazioni del nostro Paese sono aumentate del 7,9%, raggiungendo le 1.825.892 unità e avvicinandosi notevolmente al risultato del 2010 (1.972.070) e superando quello del 2011 (1.765.011). Rimane però ancora lontano il record registrato nel 2007 (quando si registrarono 2.516.276 immatricolazioni di auto nuove).
Rispetto al 2016 le immatricolazioni sono aumentate anche in Spagna, del 7,7%, in Francia, del 4,7% e in Germania, del 2,7%. Da soli – spiega in Centro Studi Promotor analizzando i dati -, i cinque principali mercati dell’Unione europea (appunto Italia, Spagna, Francia, Germania e Regno Unito) “giocano un ruolo decisamente dominante, aggiudicandosi il 75% (11.298.055) delle vendite totali realizzate in Europa nel 2017.

 

Scrivi una replica

News

Conte: «Serve una gestione condivisa per i migranti»

«Il Consiglio europeo arriva in un momento in cui i cittadini attendono dall’Ue risposte concrete. Le elezioni europee porteranno a una nuova Commissione: dovremo lavorare…

16 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conte: «Bisogna ridurre il gap di crescita con l’Ue»

«È fondamentale per il nostro Paese ridurre il gap di crescita con l’Ue orientando la spesa verso equilibrio e stabilità». Così il primo ministro, Giuseppe…

16 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conte: «L’austerity non è più percorribile»

«L’Italia è fondatore Ue e contributore netto: forte di questa posizione andiamo a Bruxelles con una manovra economica di cui siamo orgogliosi e su cui…

16 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conte: «L’appartenenza dell’Italia all’Ue è parte irrinunciabile del programma»

«L’appartenenza all’Europa è parte irrinunciabile del programma di miglioramento della condizione socio-economica dei cittadini italiani ed europei». Lo ha affermato il presidente del Consiglio, Giuseppe…

16 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia