Elezioni 2018, così la sociologia del voto | T-Mag | il magazine di Tecnè

Elezioni 2018, così la sociologia del voto

L'analisi delle elezioni politiche di Tecnè per Tgcom24. Chi ha votato chi? Quali le dinamiche per titoli di studio o professione? Quali i temi più sentiti?
di Redazione

Il centrodestra è la coalizione che ha preso più voti, il M5S il primo partito, mentre il Pd subisce un crollo. Questo, in soldoni, l’esito delle elezioni del 4 marzo. Ma come si è distribuito il voto? Nell’analisi di Tecnè per Tgcom24, il comportamento di voto per classe di età fa emergere una maggiore tendenza degli elettori più giovani a esprimersi a favore del M5S. Tuttavia anche la quota dei 45-64enni si attesta, nel caso del M5S, al 30%, mentre tra le altre forze politiche il comportamento di voto per classe di età appare più equamente distribuito.

Analizzando il comportamento di voto per fiducia sull’economia – ovvero per 100 elettori che hanno votato alla Camera dei deputati secondo le attese per i prossimi 12 mesi – i più ottimisti si registrano tra gli elettori del Pd, mentre i più rassegnati o pessimisti si osservano tra quanti hanno votato M5S. I laureati e i diplomati hanno votato in misura più ampia per il M5S, chi ha la licenza media o elementare il M5S, Lega e Forza Italia.

Il M5S sfonda tra i disoccupati (50%), ottiene ottimi risultati tra gli studenti (49%) e tra i precari (39%). Il Pd raccoglie i maggiori consensi tra i pensionati, la Lega tra i dipendenti privati e Forza Italia tra le casalinghe e i pensionati.

Sicurezza e immigrazione è il problema più sentito (una quota che si attesta al 41%) tra gli elettori della Lega; la mancanza di lavoro lo è tra gli elettori di M5S e Pd, rispettivamente per il 35% e il 21%, ma nel primo hanno avuto un peso importante temi quali le tasse eccessive, la sicurezza e l’immigrazione e il reddito basso. Le tasse eccessive il problema maggiormente avvertito dagli elettori di Forza Italia.

Rispetto alle politiche del 2013, il M5S raccoglie consensi trasversali: il 17% arriva dal Pd e il 12% dal Pdl, il 6% dalla Lega. Quest’utima è riuscita a “pescare” nel bacino elettorale che fu del Pdl nel 21% dei casi e del M5S nell’11%. Il Pd, inoltre, ha perso il 6% tra chi, rispetto alle precedenti politiche, ha preferito dirottare il voto verso Liberi e Uguali.

NOTA METODOLOGICA
Campione rappresentativo della popolazione che ha votato per la Camera dei deputati alle politiche del 4 marzo 2018 articolato per età ed area geografica
Estensione territoriale: intero territorio nazionale
Numerosità del campione: 30.023 casi [totale contatti 89.912 (100,0%) – rispondenti 30.023 (36,3%) – Rifiuti/Sostituzioni 52.896 (63,8%)]
Metodo di rilevazione: CATI/CAWI/CAPI
Margine di errore: tra +/- 1,1% e +/- 2,5%
Data di effettuazione delle interviste: 4 marzo 2018
Committente: RTI
Soggetto che ha realizzato il sondaggio: Tecnè S.r.l.
Il documento completo è disponibile sul sito: sondaggipoliticoelettorali.it

 

1 Commento per “Elezioni 2018, così la sociologia del voto”

  1. […] Potete consultare l’articolo originale cliccando qui. […]

Scrivi una replica

News

Pensioni, Di Maio: «L’Ocse non deve intromettersi nelle scelte di un Paese sovrano»

«L’OCSE non deve intromettersi nelle scelte di un Paese sovrano che il governo democraticamente legittimato sta portando avanti. Il superamento della legge Fornero è nel…

20 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, vertice straordinario il 17 e il 18 novembre

Il vertice straordinario sulla Brexit si terrà il 17 e il 18 novembre. Lo riferisce l’agenzia di stampa ANSA, citando «fonti europee». Ieri, mercoledì 19…

20 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Salvini: «Nessun problema sul decreto sicurezza e immigrazione: lunedì in Cdm»

«Sul decreto migrazione non c’è nessun problema: il Cdm slitta perché fare la riunione senza premier e vicepremier mi sembrava di votarmi da solo il…

20 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Pensioni, Ocse: «Importante non disfare la riforma Fornero»

«Quando parliamo di riforma delle pensioni, penso sia importante non disfare la riforma Fornero». Lo ha detto la capoeconomista dell’OCSE, Laurence Boone, replicando a una…

20 Set 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia