Camere, Di Maio: “Da M5S seme contro Casta” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Camere, Di Maio: “Da M5S seme contro Casta”

“Concluse le votazioni dei componenti degli uffici di Presidenza delle Camere tutti gli eletti del M5S hanno mantenuto la parola e hanno rinunciato completamente al doppio stipendio che spetterebbe a chi assume queste cariche”. Ha dichiarato il leader del M5S Luigi Di Maio, sottolineando che “si tratta grosso modo di un paio di milioni di euro fatti risparmiare allo Stato. Un piccolo gesto, ma un grande significato. Serve a dimostrare che il Parlamento non è più il simbolo della Casta”.Di Maio parla di “seme di normalità” che “sta già dando i suoi frutti” citando annunci simili di Mara Carfagna ed Ettore Rosato. “Se alle parole seguiranno i gesti concreti come noi abbiamo già fatto, si tratta di un segnale importante perchè sta passando l’idea di un nuovo modo di fare politica. Vorrei estendere a tutti gli altri componenti degli uffici di Presidenza di Camera e Senato l’invito a fare altrettanto. Spogliatevi dei privilegi! Rinunciate al doppio stipendio!”, ha concluso il leader politico.

 

Scrivi una replica

News

Multa da 7 milioni di euro inflitta a Sky dall’Antitrust

L’Autorità garante della concorrenza e del mercato ha multato l’emittente televisiva SKY per 7 milioni di euro, in seguito all’accertamento di due violazioni del Codice…

18 Feb 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Albania, si sono dimessi tutti i parlamentari del principale partito di opposizione

Il gruppo parlamentare del Partito democratico, principale formazione dell’opposizione albanese di centro destra guidata da Lulzim Basha, non farà più parte dell’Assemblea nazionale, il Parlamento…

18 Feb 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brasile, crollo diga: salgono a 169 le vittime

Peggiora il bilancio di vittime del crollo della diga di rifiuti minerali a Brumadinho, nel Minas Gerais, lo scorso 25 gennaio. Secondo l’ultimo aggiornamento dei…

18 Feb 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, scissione anti-Corbyn nel Labour

Sette deputati laburisti, favorevoli al referendum bis, hanno lasciato il partito. Ufficialmente la decisione è stata presa perché hanno accusato il leader Jeremy Corbyn di…

18 Feb 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia