Istruzione e formazione, l’Italia è sotto la media europea in molti indicatori | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istruzione e formazione, l’Italia è sotto la media europea in molti indicatori

Al contrario di altri paesi, quali Francia e Germania. L'alta percentuale di NEET appare il problema più gravoso
di Redazione

Nel 2017 la quota dei giovani italiani di età compresa tra i 18 e i 24 anni che hanno abbandonato gli studi (istruzione e formazione) si attesta al 14%, contro la media europea del 10%. E ancora: la quota di NEET (giovani tra i 15 e i 29 anni che non sono occupati né impegnati in un percoso di formazione o studio) è al 24,3%, quando in Europa si colloca – nello stesso periodo di riferimento, che in questo caso è il 2016 – al 14,2%. E, come se non fosse già abbastanza, siamo indietro rispetto alla media europea in termini percentuali per persone (30-34 anni) con istruzione terziaria, per tasso di occupazione tra i giovani laureati (20-34 anni) e partecipazione degli adulti (25-64) in offerte formative.

I dati dell’Eurostat si collocano all’interno del monitoraggio dell’SDG 4, che riguarda la qualità dell’istruzione (in particolare osserva progressi compiuti nel promuovere e aumentare l’istruzione di base, l’istruzione terziaria e la formazione degli adulti). Il confronto con i principali partner europei – Francia e Germania – appare quasi impietoso, con i due paesi che in diversi indicatori si piazzano al di sopra della media europea o, in esigui casi, poco al di sotto. L’alta percentuale di NEET appare il problema più gravoso, considerato che al pari degli abbandoni scolastici e il numero di laureati ci posiziona nelle ultime posizione nell’UE.

 

Scrivi una replica

News

Fico: «Mandato concluso in modo positivo»

«Il mandato esplorativo che mi ha affidato il presidente della Repubblica ha avuto un esito positivo, si conclude qui oggi». Lo ha detto Roberto Fico,…

26 Apr 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio: «O si fa uno sforzo o si torna al voto»

«Se si riescono a fare le cose bene altrimenti si torna al voto. Io però chiedo uno sforzo al Pd, non si può negare al…

26 Apr 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Draghi: «La crescita dell’Ue da segnali di moderazione»

«La crescita dell’Eurozona dà segnali di moderazione ma rimane coerente con le prospettive di ripresa dell’inflazione. L’Eurozona continua a necessitare del sostegno monetario da parte…

26 Apr 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bce: «Tassi a livello attuale ben oltre la fine del Qe»

«I tassi di interesse della Bce resteranno sui livelli attuali per un periodo prolungato di tempo e ben oltre la fine del Qe». Lo ha…

26 Apr 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia