Istruzione e formazione, l’Italia è sotto la media europea in molti indicatori | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istruzione e formazione, l’Italia è sotto la media europea in molti indicatori

Al contrario di altri paesi, quali Francia e Germania. L'alta percentuale di NEET appare il problema più gravoso
di Redazione

Nel 2017 la quota dei giovani italiani di età compresa tra i 18 e i 24 anni che hanno abbandonato gli studi (istruzione e formazione) si attesta al 14%, contro la media europea del 10%. E ancora: la quota di NEET (giovani tra i 15 e i 29 anni che non sono occupati né impegnati in un percoso di formazione o studio) è al 24,3%, quando in Europa si colloca – nello stesso periodo di riferimento, che in questo caso è il 2016 – al 14,2%. E, come se non fosse già abbastanza, siamo indietro rispetto alla media europea in termini percentuali per persone (30-34 anni) con istruzione terziaria, per tasso di occupazione tra i giovani laureati (20-34 anni) e partecipazione degli adulti (25-64) in offerte formative.

I dati dell’Eurostat si collocano all’interno del monitoraggio dell’SDG 4, che riguarda la qualità dell’istruzione (in particolare osserva progressi compiuti nel promuovere e aumentare l’istruzione di base, l’istruzione terziaria e la formazione degli adulti). Il confronto con i principali partner europei – Francia e Germania – appare quasi impietoso, con i due paesi che in diversi indicatori si piazzano al di sopra della media europea o, in esigui casi, poco al di sotto. L’alta percentuale di NEET appare il problema più gravoso, considerato che al pari degli abbandoni scolastici e il numero di laureati ci posiziona nelle ultime posizione nell’UE.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus: a livello mondiale, i contagi hanno superato i 242,6 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 242.648.151. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

22 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mercato auto, Acea: «Nel terzo trimestre, le auto ibride hanno superato il diesel per la prima volta»

Nel terzo trimestre del 2021, nell’Unione europea, le immatricolazioni di autovetture ibride elettriche (Hev) hanno rappresentato il 20,7% del mercato complessivo. Lo ha reso noto…

22 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue, Draghi: «Sulla Polonia, non ci sono alternative: le regole sono chiare»

Sulla Polonia «non ci sono alternative: le regole sono chiare». Lo ha detto il presidente del Consiglio, Mario Draghi, intervenendo nel corso della conferenza stampa…

22 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Energia, Draghi: «Dobbiamo proteggere tutti i Paesi dell’Ue in egual misura»

Sull’energia «siamo stati espliciti con la necessità di preparare subito uno stoccaggio integrato con le scorte strategiche. Dobbiamo proteggere tutti i Paesi dell’Unione europea in egual…

22 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia