Come va l’e-commerce in Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Come va l’e-commerce in Italia

Le vendite sono in costante crescita, ma la stragrande maggioranza degli italiani acquista da retailer esteri
di Redazione

Il dato è in costante crescita: nella sua ultima ricerca – Il negozio nell’era di internet –, Confcommercio ricorda che il valore dell’e-commerce ha raggiunto i 24 miliardi di euro circa, sottolineando che il commercio elettronico è aumentato di oltre il 50% negli ultimi quattro anni.
Anche se sempre più italiani acquistano prodotti (o servizi) on-line – specialmente nella fascia d’età compresa tra i 25 e i 55 anni –, ciò non permette comunque all’Italia di raggiungere i livelli delle altre principali economie mondiali, dove i consumatori dimostrano maggiore confidenza con l’e-commerce.

L’Italia non rientra nella classifica dei 10 Paesi con il più alto tasso di penetrazione di vendite on-line: con 672 miliardi di dollari in vendite, al primo posto figura la Cina (i dati sono del Global eCommerce Statistics di Shopify).
La ricerca condotta da Confcommercio scende anche nei dettagli, osservando che il turismo (9,2 miliardi di euro nel 2017 contro i 1,2 del 2005) e l’abbigliamento (2,5 miliardi di euro) sono i settori che vendono maggiormente on-line mentre le vendite di prodotti alimentari sono «ancora marginali» – sebbene nell’ultimo anno il settore è cresciuto di ben 10 volte con una crescita annuale media del 25% –, con un impatto significativo sullo sviluppo del commercio elettronico nel nostro Paese. Secondo l’Osservatorio e-commerce B2c della School of Management del Politecnico di Milano e Netcomm, il ritardo dell’Italia rispetto ai principali mercati e-commerce «permane ed è riconducibile alla ridotta penetrazione nei comparti di prodotto e specialmente nel Food&Grocery».
Nel fare i loro acquisti, gli italiani si rivolgono prevalentemente a siti stranieri: lo studio UPS Europe Pulse of the Online Shopper 2017 – la ricerca è stata realizzata da comScore coinvolgendo oltre 6.400 acquirenti online di sei Paesi europei – sostiene che l’85% degli e-shopper italiani acquista da retailer stranieri e che i principali fattori considerati al momento di decidere da chi acquistare sono la sicurezza dei pagamenti (78%), una chiara indicazione del costo totale dell’ordine tasse incluse e imposte (77%), la rapidità di consegna (70%) e una chiara politica di reso (68%).

 

Scrivi una replica

News

Corte Ue: «La Gran Bretagna può revocare la Brexit da sola»

«Il Regno Unito è libero di revocare in modo unilaterale la Brexit». Lo ha stabilito la sentenza della Corte di giustizia dell’Ue.…

10 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, Nick Ayers non prenderà il posto di Kelly

Nick Ayers, non prenderà il posto di John Kelly come capo dello staff della Casa Bianca. A renderlo noto è stato lo stesso Ayers, che…

10 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giappone, Pil in calo dello 0,6% nel terzo trimestre

Stando ai dati resi noti dal governo nipponico, il Pil del Giappone è calato dello 0,6% nel terzo trimestre 2018. Le stime avevano previsto un…

10 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio: Wti a 62,33 dollari al barile e Brent a 52,24 dollari

All’avvio dei mercati asiatici il greggio texano Wti è stato scambiato a 62,33 dollari al barile mentre il Brent è stato scambiato a 52,24 dollari.…

10 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia