Il gioco d’azzardo coinvolge sempre più persone | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il gioco d’azzardo coinvolge sempre più persone

Secondo un recente studio i giocatori cosiddetti problematici sono quadruplicati negli ultimi dieci anni
di Silvia Capone

Secondo i nuovi dati IPSAD ed ESPAD elaborati dall’Istituto di fisiologia clinica del Cnr di Pisa, gli italiani che nel 2017 hanno giocato almeno una volta sono 17 milioni, il 42,8%, numero in crescita rispetto ai 10 milioni del 2014. L’aumento coinvolge anche i giocatori problematici – ovvero coloro che sono maggiormente a rischio di sviluppare una patologia, e sembrano esserne più esposti coloro che sono in cerca di prima occupazione e gli studenti – quadruplicati negli ultimi dieci anni, dai 100.000 stimati nel 2007, fino ai 400.000 rilevati nel 2017 che corrispondono al 2,4% dei giocatori totali.

In generale i giocatori sono perlopiù uomini, il 51,1% degli italiani contro una percentuale del 34,4% di giocatrici. In controtendenza con il complessivo dato in crescita, è invece il numero di giovani giocatori, quelli di età compresa tra i 15 e i 19 anni nonostante per la maggior parte di essi sia illegale, di circa 400 mila unità rispetto al 2009, con il numero di giocatori che si ferma a un milione. Contestualmente sono diminuiti anche i giovani problematici che passano dall’8,7% dei giocatori del 2009 ai 7,1% del 2017, in particolare nel Nord Italia, mentre nelle regioni del Sud viene registrato un aumento.

Secondo lo studio il gioco più diffuso tra gli adulti a rischio riguarda le scommesse sportive, scelte da oltre il 72% dei giocatori, a cui segue il Gratta e Vinci e il Superenalotto, rispettivamente 67,5% e 43,6%. Simili le preferenze dei giovani giocatori problematici tra i quali spiccano le scommesse sportive, 78,3%, i Gratta e Vinci e altri giochi con le carte. Per i giocatori “occasionali” le scelte sono le stesse anche se in ordine diverso: per gli adulti infatti la classifica vede Gratta e Vinci, Lotto e scommesse sportive, mentre per i giovani il gioco più diffuso è il Gratta e Vinci, soprattutto per la componente femminile – il 58,9% degli studenti contro il 75,5% delle giocatrici -, al secondo posto le scommesse sportive, per cui la connotazione è opposta (66,9% dei ragazzi contro il 16,8% delle ragazze).

Per quel che riguarda l’aspetto economico, meno del 64% dei giocatori non spende più di 10 euro al mese, mentre tra coloro che hanno un profilo problematico il 50% circa ammette di dedicare una spesa inferiore ai 50 euro, il 37% spende fra i 50€ e i 200 euro, il 14,9% più di 200. Dai dati che emergono dallo studio, risulta elevata la convinzione che con il gioco d’azzardo si possa diventare ricchi. Per il 39% dei giocatori con il gioco d’azzardo è possibile se si hanno buone abilità, ma preoccupa maggiormente che il 36% dei giocatori con profilo problematico credono che le proprie capacità siano determinanti anche nelle scommesse. Mentre tra i giovani il 51% circa pensa sia possibile diventare ricchi, in particolar modo le percentuali variano dal 61,5% per il poker texano al 36,3% per le scommesse sportive, dal 16,7% per il Bingo fino all’11,5% per le slot machine. La convinzione però deve però fare i conti con la realtà, infatti alla domanda “nell’ultimo anno con il gioco sei andato in rosso, in pari o in attivo?” il 40,1% ammette di aver perso, il 48% dichiara di essere in pari e solo l’11,9% di aver vinto.

 

Scrivi una replica

News

L’agenzia Moody’s taglia il rating dell’Italia a Baa3

L’agenzia Moody’s ha tagliato il rating dell’Italia a Baa3 (da Baa2, con outlook stabile), si tratta del gradino appena sopra il livello spazzatura. La decisione…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Salvini: «Il governo va avanti, però la pazienza ha un limite»

«Il governo va avanti, certo, ci mancherebbe altro. Però la pazienza ha un limite. Adesso finire come Lega in mezzo alle beghe dei Cinquestelle, no.…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conte a Mosca il 24 ottobre per incontrare Putin

«Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte sarà a Mosca il 24 ottobre e incontrerà il presidente della Federazione russa Vladimir Putin e il primo ministro…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Martina: «La manovra va tutta corretta. L’Italia sta rischiando grosso»

«La manovra va corretta in modo radicale. Conte dice che la manovra è bella, ma sono senza parole: c’è un limite a tutto». Lo ha…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia