Export italiano ancora in crescita nel 2018 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Export italiano ancora in crescita nel 2018

Anche quest'anno proseguirà la performance positiva, sulla scia del brillante risultato registrato nel 2017. È improbabile che si verifichi una vera e propria guerra commerciale, ma nel caso «gli effetti di una simile escalation potrebbero essere molto forti»: così le previsioni Sace
di Redazione

La performance «brillante» delle esportazioni italiane nel 2017 non è un successo isolato, ma conferma la forza del nostro export, afferma il gruppo Sace, sottolineando «che dalla crisi del 2008 è stato in grado di riadattarsi, migliorare la qualità, aumentare la specializzazione e orientarsi sempre più verso mercati a maggior potenziale». Si stima per il 2018 un’ulteriore crescita, seppure ad un ritmo lievemente più basso rispetto allo scorso anno.

Quest’anno, insomma, le esportazioni italiane continueranno ad avanzare (+5,8%) proseguendo la performance positiva del 2017 (+7,4%). Il trend, poi, nel triennio successivo 2019-2021 (+4,5% medio annuo), sfiorando i 500 miliardi di euro già nel 2019 e superando i 540 miliardi nel 2021. Crescerà inoltre l’export di servizi, che dovrebbero raggiungere i 116 miliardi di euro. Per quanto riguarda i principali mercati di sbocco, anche quest’anno si riveleranno trainanti quelli che lo sono stati già l’anno scorso: «la performance migliore – è la previsione del Sace – è attesa per l’Asia (+8,4%) con Cina, India e Indonesia in prima linea; l’America Latina (+7,5%) con una ripresa degli scambi con il Brasile; e l’Europa emergente (+7%) in primis la Russia, pur con tutte le cautele legate al tema delle sanzioni internazionali. Positive le prospettive per il nostro export anche nel Nord America (6,1%), nell’Africa subsahariana (+5,4%), nell’Europa avanzata (+4,8%) e in Medio Oriente e Nord Africa (+4,7%). Nel 2019-2021, l’export italiano “rallenterà” la sua corsa in media (+4,5%) in modo omogeneo in tutte le aree».

Un capitolo che, alla luce anche dell’esito dell’ultimo G7, sembra preoccupare è quello relativo alla possibilità di una guerra commerciale. Possibilità che, secondo il Sace, è comunque difficile si verifichi: «Sebbene il rischio che si scateni una vera e propria guerra commerciale sia piuttosto limitato (probabilità nell’ordine del 5-10%), gli effetti di una simile escalation potrebbero essere molto forti sia a livello globale che a livello dei singoli Paesi coinvolti. I primi impatti si avrebbero sulla crescita globale, che rallenterebbe al 2,8% nel 2018 (3,3% nello scenario base) e nel 2019 scenderebbe a 2,1% (da 3%). Anche il commercio mondiale rallenterebbe da 4,2% nel 2018 (5,2% nello scenario base) e crollerebbe nel 2019 al 2,4% (da 4,4%). L’economia cinese registrerebbe un lieve rallentamento, con un tasso medio del 5,7% nel biennio 2018-19, mentre per gli Stati Uniti sarebbe un vero boomerang con un tasso medio dell’1,8% nel biennio. In questo scenario alternativo, l’export italiano risentirebbe del calo della domanda dei Paesi più interessati dalle misure – Stati Uniti e Messico in primis – perdendo quasi due punti percentuali nel 2018 (da 5,8% a 3,9%) e oltre 3,5 punti l’anno successivo (da 5,2% a 1,6%)».

 

Scrivi una replica

News

L’agenzia Moody’s taglia il rating dell’Italia a Baa3

L’agenzia Moody’s ha tagliato il rating dell’Italia a Baa3 (da Baa2, con outlook stabile), si tratta del gradino appena sopra il livello spazzatura. La decisione…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Salvini: «Il governo va avanti, però la pazienza ha un limite»

«Il governo va avanti, certo, ci mancherebbe altro. Però la pazienza ha un limite. Adesso finire come Lega in mezzo alle beghe dei Cinquestelle, no.…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Conte a Mosca il 24 ottobre per incontrare Putin

«Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte sarà a Mosca il 24 ottobre e incontrerà il presidente della Federazione russa Vladimir Putin e il primo ministro…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Martina: «La manovra va tutta corretta. L’Italia sta rischiando grosso»

«La manovra va corretta in modo radicale. Conte dice che la manovra è bella, ma sono senza parole: c’è un limite a tutto». Lo ha…

19 Ott 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia