«Calma piatta» per l’economia italiana | T-Mag | il magazine di Tecnè

«Calma piatta» per l’economia italiana

Secondo l'Ufficio Studi di Confcommercio «si fa sempre più concreto il rischio di un rallentamento»
di Redazione

Secondo l’Ufficio Studi di Confcommercio «si fa sempre più concreto il rischio di un rallentamento dell’economia». A ben vedere, in effetti, tutti gli indicatori portano attualmente a trarre conclusioni simili, peraltro in linea con le previsioni dell’Istat. Nello specifico Confcommercio stima, per luglio 2018, una variazione mensile nulla del Pil e un aumento tendenziale dello 0,8% (era 0,9% a giugno), «in ulteriore rallentamento rispetto al primo trimestre». Nel secondo trimestre 2018, prosegue, si prevede una crescita nulla del Pil in termini congiunturali, mentre il tasso di crescita tendenziale si dovrebbe attestare all’1%.

Le famiglie mantengono un profilo della domanda molto contenuto, spiega l’Ufficio Studi di Confcommercio. A giugno 2018 l’indicatore dei Consumi Confcommercio (ICC) è sceso dello 0,1% in termini congiunturali e dello 0,3% nei confronti dello stesso mese del 2017. In termini di media mobile l’evoluzione degli ultimi mesi ha invece segnalato una lieve tendenza al recupero.

LE DINAMICHE CONGIUNTURALI
La flessione congiunturale dello 0,1% è sintesi di un aumento dello 0,7% della domanda relativa ai servizi e di una diminuzione dello 0,4% di quella per i beni. Per quanto concerne le singole macro-funzioni di spesa, l’unica variazione di un certo rilievo, rispetto a maggio, si è registrata per la spesa per gli alberghi, i pasti e le consumazioni fuori casa (+1,1%) Più contenuto l’aumento della domanda per i beni e servizi per le comunicazioni (+0,2%). Sostanzialmente stabile, rispetto al mese precedente, la spesa relativa ai beni e ai servizi ricreativi e per i beni e i servizi per la cura della persona (+0,1%). Per contro la riduzione più sensibile si è registrata per la spesa relativa ai beni e ai servizi per la mobilità (-1,2%), mentre decisamente più contenuta è la flessione della domanda per i beni e i servizi per la casa (-0,1%). Relativamente agli alimentari, le bevande ed i tabacchi (-0,4%) e all’abbigliamento e alle calzature (-0,3%) anche nell’ultimo mese resta la situazione di difficoltà.

LE DINAMICHE TENDENZIALI
La diminuzione dello 0,3% è sintesi di un’evoluzione positiva della domanda relativa ai servizi (+1,3%) e di una flessione dello 0,9% della spesa per i beni. Relativamente alle diverse funzioni di spesa, l’incremento più sensibile concerne la spesa per i beni e i servizi per le comunicazioni (+2,6%). Lievemente più contenuta la variazione relativa alla domanda per gli alberghi, i pasti e le consumazioni fuori casa (+1,4%). Aumenti di modesta entità per la domanda relativa ai beni e ai servizi per la mobilità, per i beni e i servizi ricreativi (+0,2%) e per i beni e i servizi per la cura della persona (+0,1%). Per contro, riduzioni di un certo rilievo continuano ad interessare la domanda relativa agli alimentari, le bevande ed i tabacchi (-1,7%), e all’abbigliamento e alle calzature (-2,0%). In ridimensionamento, infine, la spesa per i beni e i servizi per la casa (-0,6%).

(fonte: Confcommercio)

 

Scrivi una replica

News

Dl Genova, via libera del Senato: il testo è legge

Il decreto su Genova è stato approvato dal Senato, a tre mesi di distanza dal crollo di Ponte Morandi. I voti favorevoli sono stati 167,…

15 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Arabia Saudita, incriminate 11 persone per l’omicidio di Khashoggi

L’Arabia Saudita ha annunciato l’incriminazione per 11 sospetti nel caso dell’omicidio Jamal Khashoggi, il giornalista ucciso il 2 ottobre scorso nel consolato saudita, ad Istanbul.…

15 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Dl Sicurezza, Consiglio d’Europa: «Solleva preoccupazioni dal punto di vista dei diritti umani»

«Il dl sicurezza solleva diverse preoccupazioni dal punto di vista dei diritti umani di migranti e richiedenti asilo». Lo ha detto commissario dei diritti umani…

15 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fraccaro: «Con approvazione decreto, Genova può rialzarsi»

Genova «può rialzarsi». Lo ha scritto su Twitter il ministro per i Rapporti con il Parlamento e la Democrazia diretta, Riccardo Fraccaro. «Il decreto Genova…

15 Nov 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia