Emergenza caldo: rischi per anziani e malati | T-Mag | il magazine di Tecnè

Emergenza caldo: rischi per anziani e malati

Dal 2005 al 2016 le vittime delle ondate di calore sono state 23.880. Legambiente lancia l'allarme: «Servono nuove politiche»
di Redazione

Il caldo che, insieme all’afa, si è abbattuto sulla nostra penisola negli ultimi giorni ha raggiunto l’apice, sfiorando anche quota 40 gradi in alcune città. L’emergenza con bollino rosso è stata lanciata in 18 città e per questo Legambiente ha pubblicato sul proprio sito un comunicato con il quale sottolinea l’importanza di adattarsi ad un clima che negli ultimi anni è cambiato, con ondate di calore sempre più frequenti e durature.

Secondo Legambiente, i rischi più alti li corrono i cittadini dei grandi centri urbani, a causa dell’asfalto, delle auto e dei sistemi di condizionamento che possono far aumentare la temperatura di 4-5 gradi. A soffrire maggiormente queste ondate di calore sono gli anziani e gli ammalati, che corrono pericoli seri se le temperature diurne non scendono sotto i 35 gradi e quelle notturne sotto i 25. A far preoccupare ancora di più è il dato delle vittime dal 2005 al 2016 che emerge dall’analisi. Infatti, i morti causati dalle ondate di calore sono stati 23.880 in 23 città italiane e a Roma dal 2000 al 2016 sono state 7.700 le vittime. «Se vogliamo ridurre i pericoli per le persone e prevenire anche le ondate di calore servono nuove politiche per le città, risorse e un coordinamento nazionale per aiutare i Sindaci di fronte a fenomeni di una portata senza precedenti. Come si sta facendo negli altri Paesi e nelle altre città europee, bisogna accelerare negli interventi che permettono di ridurre l’impatto del calore nei periodi estivi e delle alluvioni negli spazi urbani, oggi estremamente vulnerabili, e dove vive la maggioranza della popolazione», ha sottolineato il vicepresidente nazionale di Legambiente, Edoardo Zanchini. «Al Governo chiediamo di approvare quanto prima il Piano di adattamento ai cambiamenti climatici e di mettere al centro gli interventi che riguardano le città – ha aggiunto il vicepresidente – anche con un regolamento che finalmente fermi l’impermeabilizzazione dei suoli, che è una delle cause del calore nei periodi estivi, e che preveda interventi di recupero dell’acqua, salvaguardia degli spazi verdi, di utilizzo di alberature, acqua e pavimentazioni che riducono l’effetto del caldo nei quartieri e quindi sulle persone».

 

Scrivi una replica

News

Iran: «Non inizieremo mai una guerra con gli Stati Uniti»

«L’Iran non inizierà mai una guerra, anche se gli Stati Uniti stanno di fatto già conducendo una guerra economica contro l’Iran non militare ma economica,…

18 Lug 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Insp: «A giugno boom di cassa integrazione»

«A giugno il numero di ore di cassa integrazione complessivamente autorizzate è stato pari a 27,6 milioni, in aumento del 42,6% rispetto allo stesso mese…

18 Lug 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Turchia: «Stop a F-35 può infliggere un danno ai rapporti con gli Usa»

«Invitiamo gli Stati Unti a correggere questo errore, che è destinato a infliggere un danno irreparabile alle nostre relazioni strategiche». Lo ha scritto il ministero…

18 Lug 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giappone, incendio alla Kyoto animation: 23 morti e 38 feriti

Sono 23 le vittime e 38 i feriti dell’incendio divampato in uno studio di animazione di Kyoto. Un uomo è stato arrestato perchè sospettato di…

18 Lug 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia