I consumi? In Italia sono ancora sotto i livelli pre-crisi | T-Mag | il magazine di Tecnè

I consumi? In Italia sono ancora sotto i livelli pre-crisi

Secondo il rapporto Coop 2018, il nostro paese non ha ancora recuperato del tutto a differenza di Germania, Francia e Spagna
di Redazione

Domani, venerdì 7 settembre, l’Istat diffonderà i dati sul commercio al dettaglio relativi al mese di luglio. Nel frattempo sappiamo – dati Eurostat – che nello stesso periodo di riferimento il volume delle vendite al dettaglio è diminuito dello 0,2% nell’Eurozona, mentre a giugno aveva registrato un aumento dello 0,3%. In termini tendenziali si registra comunque una crescita dell’1,1%.

Questi dati sono utili per capire l’andamento dei consumi nell’Eurozona, in un contesto di sostanziale ripresa, mettendolo a confronto con il trend che si osserva in Italia. Il calo dello 0,2%, afferma Eurostat, è dovuto al calo dello 0,7% relativo al carburante e dello 0,6% a cibo, alcol e tabacco, mentre i prodotti non alimentari sono aumentati dello 0,4%. Nell’UE28, invece, il dato è rimasto in generale su posizioni stabili. Tra gli Stati membri i cali maggiori del commercio al dettaglio si sono registrati in Belgio (-2,1%), Portogallo e Svezia (-1%). Aumenti invece in Slovacchia ed Estonia (+1,1%) e Regno Unito (+0,8%).

Nel raffronto annuale, l’aumento dell’1,1% nell’area dell’euro è dovuto agli aumenti dell’1,4% per cibo, bevande e tabacco, dell’1,3% per i carburanti per autotrazione e dello 0,9% per prodotti non alimentari. In questo caso nell’UE28 l’incremento risulta essere del 2%. Tra gli Stati membri, per i quali sono disponibili dati, i maggiori incrementi annuali del volume totale del commercio al dettaglio si registrano in Polonia (+7,7%), Lituania (+ 7,2%) e Irlanda (+6,6%). Le maggiori diminuzioni si osservano invece a Malta (-2,6%), Svezia (-1,1%) e Austria (-1%).

I dati dell’Italia non sono ancora disponibili, ma un confronto è possibile. Secondo il rapporto Coop 2018, il nostro paese non ha ancora recuperato del tutto dopo la crisi del 2010. I consumi, infatti, sono ancora in calo del 2,2% rispetto ai livelli del 2010 contro il + 12,7% della Germania, + 10,2% della Francia e la Spagna che è in ripresa.

In Spagna i consumi a luglio hanno registrato un forte calo. In Francia un leggero rialzo. In Germania – la cui economia, soprattutto negli anni della crisi, è stata molto dipendente dall’export – i consumi delle famiglie in costante rialzo (Gfk stima un aumento dell’1,5% nl 2018) si stanno rilevando una componente fondamentale per la crescita contro le incertezze legate al commercio internazionale. In Italia, per il 2018, Confesercenti teme un aumento dell’1%, il peggior risultato dal 2014.

 

2 Commenti per “I consumi? In Italia sono ancora sotto i livelli pre-crisi”

  1. […] sul commercio al dettaglio relativi al mese di luglio confermano l’andamento altalenante, con gli ultimi trend al ribasso. A luglio 2018 si stima che le vendite al dettaglio diminuiscano, rispetto al mese precedente, […]

  2. […] sul commercio al dettaglio relativi al mese di luglio confermano l’andamento altalenante, con gli ultimi trend al ribasso. A luglio 2018 si stima che le vendite al dettaglio diminuiscano, rispetto al mese precedente, […]

Scrivi una replica

News

Istat: «Inflazione rivista al ribasso all’1.6% a novembre»

«Nel mese di novembre 2018, si stima che l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC), al lordo dei tabacchi, diminuisca dello 0,2%…

14 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Avvocato Battisti: «Irreperibile da giovedì»

L’avvocato di Cesare Battisti, Igor Sant’Anna Tamasauska, ha rivelato all’Ansa che il suo assistito è irreperibile dalla giornata di giovedì 13 dicembre.…

14 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, nel 2017 40mila morti per arma da fuoco

Secondo il Centers for Disease Control and Prevention, nel 2017 ci sono stati 40mila morti per arma da fuoco. Il dato è il più alto…

14 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cina: «Stop di 3 mesi a dazi su auto provenienti dagli Usa»

«La Cina ha deciso di sospendere per tre mesi, dal primo gennaio al 31 marzo 2019, l’applicazione dei dazi aggiuntivi dal 15% al 40%, sulle…

14 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia