I nonni, welfare per le famiglie italiane | T-Mag | il magazine di Tecnè

I nonni, welfare per le famiglie italiane

Secondo alcuni studi dovrebbero percepire uno stipendio di 2 mila euro al mese, considerate le mansioni che svolgono. Qualche dato in occasione della Festa dei nonni
di Silvia Capone

Il 2 ottobre, dal 2005, si celebra la festa dei nonni, ben 12 milioni di persone che svolgono un ruolo fondamentale dal punto di vista educativo e affettivo per il rapporto che hanno con i nipoti, importanti anche perché, soprattutto in Italia, rappresentano un ammortizzatore sociale indispensabile per le famiglie italiane.

Infatti secondo le stime un nonno (e nonna) italiano su tre si occupa tutti i giorni dei nipoti, con la percentuale che aumenta all’abbassarsi del livello di istruzione degli anziani, poiché meno interessi hanno, più si dedicano – a livello di tempo – alla propria famiglia. Stando alla ricerca effettuata da ProntoPro, portale di servizi, i nonni dovrebbero percepire uno stipendio di 2 mila euro al mese, calcolato come se gli stessi compiti siano eseguiti da professionisti. La stima è vista al rialzo, perché comprende oltre ai più prevedibili lavori di chef, autista, baby sitter e doposcuola, anche incarichi quali dogsitter all’occorrenza, tuttofare in casa, nonché di sostegno psicologico per i nipoti.

Gli anziani italiani sono considerati come un vero e proprio welfare informale per le famiglie, infatti oltre ad adempiere ai compiti di cura dei più piccoli, provvedono anche alle incombenze di natura economica: stando ai dati dell’Istat per il 26,5% delle famiglie la pensione dei nonni costituisce l’unica fonte di reddito, mentre per il 63,2% il reddito dato dalla pensione rappresenta i tre quarti della disponibilità economica. Mentre secondo il sondaggio I Senior di oggi in Europa. Sentirsi utili per invecchiare bene condotto da Ipsos e Fondazione Korian, gli anziani italiani sono più parsimoniosi dei loro coetanei europei poiché il 40% di essi aiuta economicamente le famiglie dei figli. Il confronto fornito dalla ricerca con la media europea mette in evidenza che gli italiani trainano il welfare perché nel 35% dei casi badano ai nipoti, contro il 28% degli anziani europei, e cucinano e aiutano nelle incombenze domestiche, 25% degli italiani a fronte del 15%.

Secondo la rilevazione della Coldiretti effettuata in occasione della festività loro dedicata, la presenza dei nonni nelle mura domestiche è quasi sempre considerata un valore aggiunto, sia dal punto di vista affettivo che economico: il 37% degli italiani li considera un fattore determinante per contribuire al reddito familiare, il 35% sostiene di considerarli un valido aiuto per seguire i bambini fuori dall’orario scolastico, il 4% che si avvantaggia del loro sostegno per i lavori domestici, mentre solo il 7% ritiene che i pensionati siano un peso o un ostacolo.

 

Scrivi una replica

News

Manovra, incontro Juncker-Conte in programma per mercoledì

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, incontrerà quello della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, per discutere della manovra italiana, mercoledì 12 dicembre, a Bruxelles. Lo ha…

10 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Migranti, sono 164 i Paesi che hanno aderito al Global compact for Migration

Sono 164 i Paesi che hanno aderito per acclamazione, durante il vertice di Marrakech, al Global compact for Migration, il patto dell’Organizzazione delle Nazioni Unite…

10 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Bruxelles: «L’accordo raggiunto non rinegoziabile»

«Il nostro assunto di lavoro resta che la Gran Bretagna lascerà l’Ue il 29 marzo 2019» e che l’accordo raggiunto sia «l’unico possibile», «non rinegoziabile»,…

10 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, May annuncia alla Camera dei Comuni il rinvio del voto sull’accordo

«Se il voto fosse andato avanti, sarebbe stato bocciato con ampio margine». Lo ha detto la premier britannica, Theresa May, motivando il rinvio del voto…

10 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia