La manovra divide i giudizi degli italiani | T-Mag | il magazine di Tecnè

La manovra divide i giudizi degli italiani

Il 48% degli intervistati esprime fiducia nel governo, mentre Salvini è il leader che raccoglie la percentuale più alta di pareri positivi. Il sondaggio Tecnè per Tgcom24, presentato il 9 ottobre
di Redazione

Il 48% degli italiani ha fiducia nel governo Lega-Movimento 5 Stelle. Questo è quanto emerge da un sondaggio – la rilevazione è stata condotta l’8 ottobre 2018 – dell’Istituto di ricerca Tecnè per TgCom24. Il 46% del campione ha dichiarato invece di non averne. Il 6% ha detto di non essersi fatto alcuna opinione in merito.

Tra i leader del governo Lega-M5s, il ministro dell’Interno e vice premier Matteo Salvini è quello che raccoglie la percentuale di giudizi positivi più alta, raggiungendo il 50%. Distanziato di poco, il premier Giuseppe Conte con il 48% e più staccato Luigi Di Maio. Il ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico si ferma al 45%.

Tecnè ha chiesto al campione anche di esprimere un giudizio sulla manovra economica: il 48% ne ha espresso uno negativo, in quanto fa crescere il debito, spaventa gli investitori, è «assistenziale». Il 40% l’ha giudicata positivamente (riduce le disuguaglianze, dà impulso alla crescita economica) mentre il 15% degli intervistati ha ammesso di non avere un’opinione al riguardo.

I giudizi sulle diverse misure previste dalla manovra economica – superamento della riforma Fornero, riforma fiscale, reddito di cittadinanza – sono più negativi che positivi. Lo stesso vale per le stime sulla crescita economica: il 30% ha espresso un giudizio positivo contro il 59% che ne ha dichiarato uno negativo. Particolarmente poco gradita la riforma fiscale: la quota di quanti hanno espresso un giudizio negativo raggiunge il 60%.

I giudizi sulle attese sulla situazione economica dell’Italia per i prossimi 12 mesi: il 24% ha dichiarato che «sarà migliore di oggi», per il 51% «sarà uguale a oggi» mentre il 24% ha detto che «sarà peggiore». Una quota molto piccola ha ammesso di non sapere (1%).

Il 58% degli intervistati coinvolti nel sondaggio ha dichiarato che la crisi economica «è ancora in corso». Pochi gli italiani che credono il contrario: il 4% ha detto che «è finita già da qualche anno». Secondo il 24%, «si è attenuata ma non è finita» mentre per il 14% «il peggio deve ancora venire».

NOTA METODOLOGICA
Campione rappresentativo della popolazione maggiorenne residente in Italia, articolato per sesso, età, area geografica.
Estensione territoriale: intero territorio nazionale
Numerosità del campione: 1.000 casi [totale contatti 4.803 (100,0%) – rispondenti 1.000 (20,8%) – rifiuti/sostituzioni 3.803 (79,2%)]
Metodo di rilevazione: CATI-CAMI-CAWI
Margine di errore: +/- 3,1% (sui risultati a livello dell’intero campione)
Data di effettuazione delle interviste: 8 ottobre 2018
Committente: RTI
Soggetto che ha realizzato il sondaggio: Tecnè S.r.l.
Il documento completo è disponibile sul sito: sondaggipoliticoelettorali.it

 

Scrivi una replica

News

Manovra, incontro Juncker-Conte in programma per mercoledì

Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, incontrerà quello della Commissione europea, Jean-Claude Juncker, per discutere della manovra italiana, mercoledì 12 dicembre, a Bruxelles. Lo ha…

10 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Migranti, sono 164 i Paesi che hanno aderito al Global compact for Migration

Sono 164 i Paesi che hanno aderito per acclamazione, durante il vertice di Marrakech, al Global compact for Migration, il patto dell’Organizzazione delle Nazioni Unite…

10 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, Bruxelles: «L’accordo raggiunto non rinegoziabile»

«Il nostro assunto di lavoro resta che la Gran Bretagna lascerà l’Ue il 29 marzo 2019» e che l’accordo raggiunto sia «l’unico possibile», «non rinegoziabile»,…

10 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »

Brexit, May annuncia alla Camera dei Comuni il rinvio del voto sull’accordo

«Se il voto fosse andato avanti, sarebbe stato bocciato con ampio margine». Lo ha detto la premier britannica, Theresa May, motivando il rinvio del voto…

10 Dic 2018 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia