La protesta dei pastori sardi contro il prezzo del latte | T-Mag | il magazine di Tecnè

La protesta dei pastori sardi contro il prezzo del latte

Un litro di latte viene pagato circa 60 centesimi al litro. La denuncia di Coldiretti: «Un’elemosina che non copre neanche i costi di allevamento e spinge alla chiusura 12 mila allevamenti»

Minacciare di bloccare i seggi elettorali in vista delle elezioni regionali in Sardegna del prossimo 24 febbraio: a tanto sono arrivati i pastori sardi, in protesta da alcuni giorni a causa del prezzo del latte ovino acquistato dalle aziende casearie a cifre ritenute troppo basse.

Sul tema è intervenuto il premier, Giuseppe Conte: «Da giorni i pastori sardi sono scesi in strada e stanno protestando contro i prezzi del latte. La loro protesta e le loro istanze non possono rimanere inascoltate. Occorre comprendere subito le loro ragioni». A quanto ammontano le cifre contestate dai pastori? Un litro di latte viene pagato circa 60 centesimi al litro, «una elemosina che non copre neanche i costi di allevamento e di alimentazione e spinge alla chiusura i 12 mila allevamenti presenti in Sardegna», è la denuncia di Coldiretti.

In Sardegna, spiega la Coldiretti, si trova il 40% delle pecore allevate in Italia che producono quasi tre milioni di quintali di latte destinato per il 60% alla produzione di pecorino romano (Dop), ma riconosciuti dall’Unione europea ci sono anche il Fiore Sardo Dop e il Pecorino Sardo Dop. Nello specifico, prosegue Coldiretti, la Sardegna è «nel Mediterraneo la terra in cui è più alta la concentrazione di pecore: quasi due ogni abitante, 2,6 milioni di animali per 1,5 milioni di persone con il risultato che le forme paesaggistiche dell’Isola dipendono dal fatto che ben il 70% del territorio è destinato al pascolo dal quale gli animali traggono alimento». Negli ultimi dieci anni, in Italia, è scomparso un milione di pecore «per colpa di scelte industriali irresponsabili».

 

1 Commento per “La protesta dei pastori sardi contro il prezzo del latte”

  1. […] per sensibilizzare le istituzioni sulla questione del latte sottopagato (di cui abbiamo scritto qui), gli agricoltori, spiega la Coldiretti, per protestare contro i ritardi nell’affrontare «la […]

Leave a Reply to Perché anche gli agricoltori protestano | T-Mag | il magazine di Tecnè

News

Brexit, Timmermans: «Johnson è il benvenuto»

«Non credo che il carattere o l’atteggiamento di Boris Johnson faccia la differenza. Quando c’è un nuovo primo ministro, in qualsiasi Stato membro o Paese,…

23 Lug 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Trump: «Congratulazioni a Johnson»

«Congratulazioni a Boris Johnson che diventa il nuovo primo ministro del Regno Unito. Sarà grande!». Lo ha scritto sul proprio profilo Twitter il presidente degli…

23 Lug 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gran Bretagna, Johnson nuovo leader dei Tory. Domani premier

Boris Johnson è il nuovo leader dei Tory e dalla giornata di mercoledì 24 luglio sarà lui a succedere a Theresa May nel ruolo di…

23 Lug 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Vaccini: aumentano le coperture, ma preoccupa mancato obiettivo contro morbillo-parotite-rosolia

Sono cresciute nel 2018, le coperture vaccinali dei bambini e degli adolescenti in Italia rispetto al 2017. Nella maggior parte delle Regioni la copertura a 24 mesi…

23 Lug 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia