L’export traina la (debole) crescita dell’Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’export traina la (debole) crescita dell’Italia

Anche il fatturato e gli ordinativi dell’industria aumentano a marzo grazie al contributo della componente estera. Resta fragile, invece, la domanda interna

di Redazione

I consumi in Italia stentano a decollare, il trend sembra essersi consolidato da tempo. A marzo 2019, stando alle ultime rilevazioni Istat, le vendite al dettaglio hanno registrato una diminuzione congiunturale dello 0,3% in valore e dello 0,2% in volume, mentre l’aumento trimestrale è stato appena dello 0,2%. Anche la crescita del primo trimestre 2019, debole (+0,2%), è stata dovuta soprattutto alla componente estera, mentre si è evidenziata un contributo negativo della componente nazionale.

Conferme in questo senso arrivano dagli ultimi dati relativi al fatturato dell’industria a marzo, dove emerge ancora una volta il contributo positivo della componente estera. L’Istat stima un aumento in termini congiunturali dello 0,3%, proseguendo la dinamica positiva registrata nei due mesi precedenti. Nel primo trimestre l’indice complessivo è cresciuto dello 0,9% rispetto all’ultimo trimestre del 2018. «La dinamica congiunturale del fatturato è sintesi di una contenuta flessione del mercato interno (-0,3%) e di un sostenuto aumento di quello estero (+1,5%)», viene sottolineato.

Un trend che comprende anche gli ordinativi. Questi ultimi registrano un incremento congiunturale del 2,2%, mentre nella media del primo trimestre del 2019 sono rimasti invariati rispetto al quarto trimestre dello scorso anno. «Per gli ordinativi l’incremento congiunturale riflette una leggera contrazione delle commesse provenienti dal mercato interno (-0,5%) e una marcata crescita di quelle provenienti dall’estero (+6,2%)».

Restando al fatturato a gli ordinativi dell’industria, con riferimento ai raggruppamenti principali di industrie, a marzo gli indici destagionalizzati del fatturato segnano un aumento congiunturale dello 0,9% per i beni intermedi e dello 0,1% per i beni di consumo; i beni strumentali restano sullo stesso livello del mese precedente mentre l’energia registra una lieve riduzione dello 0,3%. Corretto per gli effetti di calendario (i giorni lavorativi sono stati 21, contro i 22 di marzo 2018), il fatturato totale cresce in termini tendenziali dell’1,3%, con incrementi dello 0,2% sul mercato interno e del 3,5% su quello estero.

Con riferimento al comparto manufatturiero, il settore dei macchinari e attrezzature e quello della gomma, plastica e minerali non metalliferi registrano la crescita tendenziale più rilevante (+7,9%), mentre l’industria farmaceutica mostra il calo maggiore (-10,3%). In termini tendenziali l’indice grezzo degli ordinativi diminuisce del 3,6%, con riduzioni su entrambi i mercati (-4,4% quello interno e -2,4% quello estero). La maggiore crescita tendenziale si registra nelle industrie tessili (+4,6%), mentre il peggior risultato si rileva nell’industria farmaceutica (-12,9%).

(fonte: Istat)

 

Scrivi una replica

News

Stati Uniti, Trump torna a criticare la Fed: «Abbiamo chance di creare ricchezza e successo per Usa, non la rovini»

L’economia americana gode di ottima salute, eppure il presidente statunitense Donald Trump non ha mancato di criticare via Twitter l’operato della Fed, rea a suo…

19 Lug 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Autonomia, Conte: «Avanti con le garanzie che ho sempre richiesto»

«Il disegno dell’Autonomia differenziata si sta realizzando con le garanzie che ho sempre richiesto, di realizzare un progetto previsto dalla Costituzione, ma senza che questo…

19 Lug 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Grecia: scossa di magnitudo 5,3 ad Atene

Una forte scossa di terremoto è stata avvertita oggi nella capitale della Grecia, Atene, e in tutta l’Attica. La magnitudo è stata stimata a 5,3.…

19 Lug 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cigl: «I 40enni di oggi con un lavoro saltuario andranno in pensione dopo i 73 anni»

«I quarantenni di oggi, coloro che hanno iniziato a lavorare dopo il 1996 e ricadono nel contributivo puro, rischiano di non andare in pensione prima…

19 Lug 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia