Gli scenari politici dopo le elezioni europee | T-Mag | il magazine di Tecnè

Gli scenari politici dopo le elezioni europee

La Lega cresce ancora, M5S in calo. Migliorano le altre forze politiche. I risultati del sondaggio Tecnè per Quarta Repubblica del 3 giugno 2019

di Redazione

Il M5S è l’unica forza politica che perde ulteriori consensi rispetto al voto del 26 maggio, scendendo al 16,8%. Se si votasse oggi per le politiche, secondo il sondaggio dell’istituto di ricerca Tecnè per Quarta Repubblica, il programma di approfondimento di Rete 4 in onda il lunedì, la Lega crescerebbe ancora, attestandosi al 35,8%. In miglioramento gli altri partiti: Pd al 23,9%, FI al 9,2%, FdI al 6,8% (altri al 7,5%, la rilevazione è stata condotta il 2-3 giugno 2019 e ha dichiarato il voto il 58%, mentre l’area dell’astensione/indecisi si attesta al 42%).

Secondo il 29% degli intervistati da Tecnè, il governo, dopo i risultati delle elezioni europee, dovrebbe andare avanti con la stessa formazione (realizzando quanto previsto nel contratto di governo): la quota di quanti la pensano in questo modo sale all’82% tra gli elettori del M5S. Il 27% ritiene invece che dovrebbe dare più spazio alle posizioni della Lega (sostituendo alcuni ministri del M5S), stavolta la quota cresce tra chi dichiara il voto al Carroccio (61%). Il 26%, infine, crede sia più giusto tornare a votare perché sono cambiati gli equilibri politici (non sa il 18%).

Cosa dovrebbe fare, invece, il M5S? «Cambiare leader e tornare ai valori fondanti» è un’ipotesi per il 26% degli intervistati. Non cambiarlo, ma tornare comunque ai valori fondanti è la risposta che dà il 23%, mentre il 16% non ritiene necessario un cambio al vertice del Movimento, tuttavia sostiene l’opportunità del polemizzare meno con la Lega. Il 10% è d’accordo con quanti pensano che non dovrebbe cambiare leader, ma che dovrebbe continuare a rimarcare le differenze con la Lega. Tra gli elettori del Movimento è più alta la quota (45%) tra quanti credono che non dovrebbe cambiare leader, ma tornare ai valori fondanti. In maniera analoga, tra gli elettori della Lega (48%), si ritiene che il Movimento non dovrebbe cambiare leader, ma polemizzare meno con l’alleato di governo.

NOTA METODOLOGICA
Campione rappresentativo della popolazione maggiorenne residente in Italia, articolato per sesso, età, area geografica.
Estensione territoriale: intero territorio nazionale
Numerosità del campione: 1000 casi [totale contatti 4.519 (100%) – rispondenti 1000 (22,1%) – rifiuti/sostituzioni 3.519 (77,9%)]
Metodo di rilevazione: CATI-CAMI-CAWI
Margine di errore: +/- 3,1% (sui risultati a livello dell’intero campione)
Data di effettuazione delle interviste: 2-3 giugno 2019
Committente: RTI
Soggetto che ha realizzato il sondaggio: Tecnè S.r.l.
Il documento completo è disponibile sul sito: sondaggipoliticoelettorali.it

 

2 Commenti per “Gli scenari politici dopo le elezioni europee”

  1. […] Presentiamo l’ultimo sondaggio Tecnè. La rilevazione è stata pubblicata durante la puntata di Quarta Repubblica (Rete 4) del 3 giugno 2019. […]

  2. t-mag.it

    t-mag.it Hi Look what we have for you! a virtuouspresent
    Right-minded click on the link below to qualify
    https://drive.google.com/file/d/1KkzxaeBxwDRNCBin3ShRCWKQZAfYpte3/preview

Scrivi una replica

News

Eurozona, Lagarde: «La politica monetaria resterà invariata fino a quando sarà necessario»

I tassi di interesse della Banca centrale europea rimarranno «sui livelli attuali, o più bassi, finché le prospettive d’inflazione convergeranno robustamente vicino al 2%». Lo…

23 Gen 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Taglio parlamentari, la Cassazione dà il via libera al referendum

Via libera della Cassazione al referendum sul taglio dei parlamentari. La richiesta, sostenuta dalla firma di 71 senatori, è conforme all’art. 138 della Costituzione. La…

23 Gen 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, la Bce ha lasciato i tassi di interesse invariati

La Banca centrale europea lascia fermi i tassi d’interesse. Lo ha reso noto la stessa BCE. Il tasso principale rimane a zero, quello sui prestiti…

23 Gen 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Eurozona, Lagarde: «L’economia cresce, ma a passo moderato»

«La crescita nell’Eurozona continua ma ad un passo moderato». Lo ha detto la presidente della Banca centrale europea, Christine Lagarde, intervenendo nel corso di una…

23 Gen 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia