«Monitor Italia»: il consenso ai partiti, la fiducia istituzionale e il clima economico | T-Mag | il magazine di Tecnè

«Monitor Italia»: il consenso ai partiti, la fiducia istituzionale e il clima economico

Il quadro politico dell’Italia resta sostanzialmente stabile, così come quello economico. Il 58% degli intervistati ritiene che la vicenda dei presunti rapporti Russia-Lega sia seria e da approfondire: il sondaggio Tecnè in collaborazione con l’Agenzia Dire

di Redazione

Il quadro politico dell’Italia resta sostanzialmente stabile rispetto alla scorsa settimana, la Lega perde appena lo 0,1% e il 58% degli intervistati ritiene che la vicenda dei presunti rapporti Russia-Lega sia seria e da approfondire. Mentre non si evidenziano, rispetto alle rilevazioni dell’11 luglio, cambiamenti significativi per quanto riguarda il clima economico. È quanto emerge dall’ultimo Monitor Italia dell’istituto di ricerca Tecnè in collaborazione con l’Agenzia Dire.

In una scala da 0 (nessuna fiducia) a 100 (completa fiducia), l’indice relativo al presidente della Repubblica si colloca a quota 58 (+1), mentre quello nel governo è fermo a 37.

Osservando il consenso ai partiti – l’area dell’astensione/incerti si attesta al 43,6% (+0,5%) – , la Lega, che resta stabilmente primo partito, otterrebbe oggi il 37% (lieve calo rispetto alla precedente rilevazione, -0,1%). In miglioramento Pd (al 23,6%, +0,1%) e M5S (al 17,3%, +0,1%), Forza Italia (all’8%, +0,1%), +Europa (al 2,4%, +0,1%) , La Sinistra (all’1,5%, +0,1%); in lieve calo, invece, FdI (al 6,6%, -0,2%), Europa verde (all’1,9%, -0,1%). Altri partiti all’1,7% (-0,1%). Il consenso politico del governo – ovvero la percentuale di chi dichiara il voto a Lega e M5S sul totale del campione – passa da 34,5% a 34,2%. Il consenso politico dell’opposizione si attesta al 22,2% (-0,2%)

In una scala da 0 (totalmente peggiorata) a 100 (totalmente migliorata), tanto la situazione economica dell’Italia rispetto a 12 mesi fa quanto le attese a un anno restano su valori stabili, tuttavia al di sotto della soglia dei 50 punti: nel primo caso l’indice si colloca a 34, nel secondo a 44. Anche la situazione personale rispetto a 12 mesi si mantiene su valori stabili (44/100).

La vicenda dei presunti rapporti Lega-Russia è «seria, da approfondire» secondo il 58% degli intervistati da Tecnè, non la pensa così il 21,3% (non sa il 20,7%).

Le politiche economiche del governo (rispetto a quelle dei governi precedenti) vengono giudicate pericolose dal 30,2% degli intervistati. Sono coraggiose e utili per il 24,9%, in linea con le precedenti per il 27,6% (non sa il 17,3%).

NOTA METODOLOGICA
Campione di 1.000 casi, rappresentativo della popolazione maggiorenne italiana, articolato per sesso, età, area geografica estensione territoriale: intero territorio nazionale.
Interviste effettuate il 17-18 luglio 2019 con metodo cati – cami – cawi.
Margine di errore +-3,1%
Totale contatti: 4.579- rispondenti: 1.000- rifiuti/sostituzioni: 3.579
Soggetto che ha realizzato il sondaggio: Tecnè srl – Committente: Agenzia DIRE – Il documento completo sul sito: sondaggipoliticoelettorali.it

 

Scrivi una replica

News

Brexit, Johnson a Macron: «Voglio trovare un accordo»

«Voglio trovare un accordo sulla Brexit», ha dichiarato Johnson parlando alla stampa all’Eliseo, dopo aver incontrato Emmanuel Macron, che dal canto suo ha dichiarato che…

22 Ago 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Meloni: «Elezioni unico esito possibile»

Le elezioni sono oggi l’unico esito possibile, rispettoso dell’Italia, dei suoi interessi, del suo popolo e della Costituzione. La nostra idea è che non sia…

22 Ago 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Governo, Berlusconi: «Un esecutivo si fa tra partiti con idee compatibili»

«L’esperienza appena conclusa dimostra che i progetti di governo si fanno con i tempi e con le idee compatibili, non dopo il voto ma prima.…

22 Ago 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fonti Ue: «Unione europea contraria al ritorno di Mosca nel G8»

«L’Ue non è favorevole ad una eventuale riattivazione del formato G8. I motivi che portarono all’esclusione di Mosca sono ancora validi, perciò sarebbe controproducente .…

22 Ago 2019 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia