La felicità in Europa, misurata | T-Mag | il magazine di Tecnè

La felicità in Europa, misurata

I più felici, secondo l’indice Eurostat, sono i finlandesi. Italiani sotto la media europea

di Redazione

L’Eurostat ha creato un indicatore che misura il benessere percepito e tramite una scala che va da 0 a 10 è emerso che in media i cittadini europei danno voto 7,3 nella scala di soddisfazione della propria vita riferita al 2018, in aumento rispetto al 7 dato nel 2013. Anche la soddisfazione per la situazione finanziaria della propria famiglia è in costante aumento da 6 a 6,5 in cinque anni, mentre la soddisfazione per le relazioni personali è rimasta pressoché stabile da 7,8 a 7,9%. 

In generale, il livello di appagamento della vita varia molto da paese a paese: si va da un 8,1 espresso dagli abitanti della Finlandia, seguito a breve distanza dal voto dato dagli austriaci 8 su 10. Al lato opposto della scala, quindi i meno soddisfatti, i cittadini della Bulgaria, che danno come voto solo 5,4, poi la Croazia poco sopra la sufficienza 6,3 e Grecia e Lituania entrambe con una soddisfazione dichiarata di 6,4 su 10.

Nonostante il voto molto basso riguardo la soddisfazione generale dato dai bulgari, questi a distanza di cinque anni hanno fatto registrare il secondo più ampio incremento, nel 2013, +0,6, dopo solo Cipro, in cui i cittadini hanno in media espresso il voto di 7,1 dal precedente 6,2. Al contrario, a veder diminuita la propria soddisfazione dopo cinque anni sono i cittadini di Lituania, Danimarca, Olanda e Svezia.

Anche per quel che riguarda la situazione economica della propria famiglia, gli abitanti dei paesi scandinavi sono i più soddisfatti. In media i danesi, gli svedesi e i Finlandesi danno come voto 7,8, mentre i meno soddisfatti della propria situazione finanziaria sono i bulgari, che ne danno un voto insufficiente di solo 4,3 su 10, seguiti da Grecia, Croazia e Lituania, tutte con 5,2.

Gli incrementi di soddisfazione maggiori tra una rilevazione e l’altra si riscontrano in paesi quali Grecia, Cipro e Portogallo, Malta, Repubblica Ceca e Italia, tutti fortemente colpiti dalla crisi economica, che nel 2013 stavano ancora vivendo. 

Sul fronte delle relazioni personali, i più soddisfatti risultano essere gli abitanti di Malta, Austria e Slovenia, che sulla scala da 0 a 10 valutano questa sfera della loro vita a 8,6.

Per quanto riguarda unicamente l’Italia, il paese si colloca in tutte le classifiche stilate dall’Eurostat sotto la media europea, nello specifico alla soddisfazione per la propria vita gli italiani danno voto 7, comunque in aumento rispetto al 2013, per la situazione finanziaria invece 6,4 – facendo registrare però un incremento di 0,7 voti rispetto ai cinque anni precedenti -, mentre la valutazione aumenta fino a 7, per le relazioni personali.

Anche secondo i dati dell’Istat, contenuti nel report Soddisfazione dei cittadini per le condizioni di vita gli italiani fanno registrare nel 2018 un leggero aumento degli indicatori: si stima che la quota di persone di 14 anni e più che esprimono un’elevata soddisfazione per la propria vita nel complesso passa dal 39,6% al 41,4%. Secondo l’istituto nel 2018, rispetto all’anno precedente, è aumentata anche la percentuale di persone soddisfatte della propria situazione economica – che passa dal 50,5% al 53%- e dei rapporti familiari 8oltre il 90% si dichiara soddisfatto) e di quelli amicali (81,7%). 

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, blocchi in nove città cinesi e chiuso Disneyland Shanghai

In seguito all’epidemia di coronavirus , le autorità cinesi hanno imposto il blocco ai trasporti pubblici in nove città, con circa 32 milioni di cittadini…

24 Gen 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, 830 persone contagiate e 25 vittime

Sale la paura in Cina dove le autorità locali hanno reso noto che le persone contagiate dal coronavirus sono 830, mentre le vittime salgono a…

24 Gen 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio: Wti a 55,86 dollari al barile e Brent a 62,38 dollari

All’avvio dei mercati asiatici il greggio texano Wti è stato scambiato a 55,86 dollari al barile mentre il Brent è stato scambiato a 62,38 dollari.…

24 Gen 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Titoli di Stato: spread Btp/Bund a 156 punti

All’avvio dei mercati finanziari lo spread tra Btp e Bund si è attestato a quota 156 punti.…

24 Gen 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia