Terzo polo, ancora nel segno di Segni? | T-Mag | il magazine di Tecnè

Terzo polo, ancora nel segno di Segni?

di Massimiliano Cavallo

Quando si parla di Terzo Polo, dopo 17 anni di bipolarismo all’italiana, la mente va inevitabilmente alle elezioni del 1994 e all’unica volta in cui un’aggregazione di forze provò a mettersi in mezzo tra destra e sinistra. E finì come tutti sappiamo.
L’analogia con quel 1994 la si può ritrovare nel terremoto giudiziario di Tangentopoli e in quelle scosse che oggi stanno invece riguardando Berlusconi. Per completezza di informazione và anche detto che quei tempi erano diversi: era appena sceso in campo Berlusconi con tutto il carisma suo e del “nuovo miracolo italiano”, dall’altra parte c’era Occhetto e la sua “gioiosa macchina da guerra” (sigh!) e, soprattutto, il sistema elettorale era maggioritario, lasciando per sua natura poco spazio alle terze ipotesi. Ed è ad uno dei padri fondatori di quel sistema elettorale che si fa riferimento qui.
A promuovere il referendum che cambiò la legge elettorale e spazzò via la Prima Repubblica fu infatti Mario Segni, in quel momento uno dei leader italiani più apprezzati. Eppure, il democristiano di Sassari, non seppe capitalizzare quel momento e si mise a capo di un improbabile terzo polo. Addirittura fu sconfitto nel suo collegio uninominale e fu eletto solo grazie al recupero proporzionale dell’allora Mattarellum.
Insomma, come si disse, Mario Segni aveva fatto tredici con la vittoria dei referendum ma aveva perso la schedina.
Oggi le cose sono certamente diverse ma lo spazio per un terzo polo è lo stesso, ossia pressoché inesistente. Tutte le ricerche danno a Fli-Udc-Api un dato tra il 10% e il 12%, pochino per puntare ad allargare la base del consenso fino a poter vincere le elezioni. E un anno, come dice Fini, neanche potrà bastare.
Ma sicuramente il tempo che ci divide dalle elezioni (due anni, se consideriamo la scadenza naturale) può essere sufficiente a valorizzare il proprio peso. Perché se è vero che i tre partiti insieme valgono relativamente poco, è pur vero che possono essere determinanti per far vincere uno dei due schieramenti.
Insomma, la schedina ora ce l’ha in mano Fini. Chissà che non la perda anche lui.

 

Scrivi una replica

News

Emergenza sanitaria: da lunedì Alto Adige in zona gialla

Da lunedì l’Alto Adige sarà in zona gialla. Lo ha annunciato l’assessore alla sanità Thomas Widmann, confermando le indiscrezioni circolate nelle ultime ore. Nel dare…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Barbados, addio alla Corona: diventa una repubblica

Barbados si è autoproclamato ufficialmente una repubblica, rimuovendo la Regina Elisabetta II dal suo titolo di capo di stato, in una cerimonia che ha visto…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, Zemmour annuncia candidatura a presidenziali

Il polemista francese, Eric Zemmour, ha annunciato ufficialmente la sua candidatura alle presidenziali e lo ha fatto attraverso un video diffuso online con «un messaggio…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, in Ucraina 10.554 nuovi casi e 561 vittime

Sono 10.554 i nuovi casi da coronavirus in Ucraina, dove si registrano anche 561 vittime.…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia