Diaspora. Un social contro l’altro | T-Mag | il magazine di Tecnè

Diaspora. Un social contro l’altro

di Francesca Pucci

Si chiamano Maxwell, Daniel e Raphael i tre studenti americani che hanno progettato “Diaspora”, un nuovo social network con un nuovo modo di condividere contenuti in rete e che ha tutte le carte in regola per diventare, almeno sulla carta, un diretto e pericoloso concorrente per il dominio di Facebook. I progettisti stessi non amano parlare di anti-facebook, ma è chiaro che questo nuovo social network ha trovato in questa opposizione la sua fortuna.
Diaspora sta a Facebook come il giorno sta alla notte, ed è opportuno cercare di capire meglio come funziona questo nuovo social network che si propone di stravolgere i cardini con cui finora i siti di questo genere sono stati costruiti.
Diaspora, il cui nome è tutto un programma, è un social network open source che si propone di far interagire tra loro gli utenti, ma con la fondamentale differenza, rispetto ai social network attuali, che i loro dati non verranno archiviati su server esterni gestiti dai fornitori del servizio quanto sui computer degli stessi user.
I dati personali rimarranno quindi memorizzati sull’hard disk dell’utente, definito tecnicamente “seed”, e sarà una sua libera scelta se e quanto condividere con la rete dei contatti, mantenendo pertanto il pieno controllo dei propri dati che potranno essere eliminati, modificati o arricchiti in ogni momento, senza lasciare ad altri il controllo.
Diaspora consente comunque un’integrazione con i vari Facebook, Twitter e simili, ma la novità concettuale alla sua base potrebbe aprire nuovi e interessanti sviluppi per il mondo dei social network, che potrebbero passare così da una struttura centralizzata come quella attuale a una struttura decentrata, in cui la comunicazione avverrebbe direttamente tra seed, cioè tra utenti, senza che i dati passino per dei server terzi fuori dal loro diretto controllo.
Il business di Diaspora è quindi matenere i dati personali, per l’appunto, personali, come dovrebbe essere, e questa trasparenza nei confronti degli utenti favorisce uno scambio di idee ancora maggiore.
Sarà una rivoluzione in grado di unire i vantaggi del social networking al rispetto della privacy o si tratterà solamente di una bella idea che difficilmente avrà successo? Per il momento è difficile dirlo, anche se appare chiaro un po’ a tutti come, con l’aumentare del numero degli utenti di queste reti sociali, sia sempre più sentito il bisogno di garantire un alto grado di sicurezza a tutte le informazioni che circolano ogni giorno su internet.

 

1 Commento per “Diaspora. Un social contro l’altro”

  1. […] This post was mentioned on Twitter by tecneitalia, tecneitalia. tecneitalia said: su T-mag: Diaspora. Un social contro l’altro http://tinyurl.com/4tb7sy8 […]

Scrivi una replica

News

Emergenza sanitaria: da lunedì Alto Adige in zona gialla

Da lunedì l’Alto Adige sarà in zona gialla. Lo ha annunciato l’assessore alla sanità Thomas Widmann, confermando le indiscrezioni circolate nelle ultime ore. Nel dare…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Barbados, addio alla Corona: diventa una repubblica

Barbados si è autoproclamato ufficialmente una repubblica, rimuovendo la Regina Elisabetta II dal suo titolo di capo di stato, in una cerimonia che ha visto…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, Zemmour annuncia candidatura a presidenziali

Il polemista francese, Eric Zemmour, ha annunciato ufficialmente la sua candidatura alle presidenziali e lo ha fatto attraverso un video diffuso online con «un messaggio…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, in Ucraina 10.554 nuovi casi e 561 vittime

Sono 10.554 i nuovi casi da coronavirus in Ucraina, dove si registrano anche 561 vittime.…

30 Nov 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia