I nostri ricercatori: precari e senza soldi | T-Mag | il magazine di Tecnè

I nostri ricercatori: precari e senza soldi

La ricerca italiana fa miracoli, non si può dire altro. Scarsi finanziamenti, precariato, tagli in bilancio, eppure la produzione scientifica resta un’eccellenza del nostro Paese. È il risultato di un’indagine conoscitiva condotta dalla commissione Cultura della Camera, i cui risultati saranno pubblicati nelle prossime settimane. Il frutto di nove mesi di incontri e confronti con docenti universitari, rettori di università pubbliche e private, rappresentanti dei ricercatori e dirigenti dei più noti enti di ricerca.

Continua a leggere su Linkiesta

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, a livello mondiale i contagi hanno superato i 177,1 milioni

A livello mondiale, le persone contagiate dal coronavirus sono state 177.124.860. A riferirlo la Johns Hopkins University che monitora l’andamento mondiale della pandemia che, al…

17 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Hong Kong, arrestati dirigenti giornale Apple Daily

Il Dipartimento di sicurezza della polizia di Hong Kong ha fatto irruzione questa mattina negli uffici dell’Apple Daily, tabloid pro-democrazia del tycoon Jimmy Lai. Nel…

17 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cina: «Laboratorio di Wuhan merita premio per la pace»

«L’Istituto di Virologia di Wuhan, sempre al centro dei sospetti sull’origine del Covid-19, meriterebbe il Nobel per la Medicina». Lo ha detto il portavoce del…

17 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Nigeria, anche Boko Haram conferma la morte del leader

Boko Haram, gruppo jihadista nigeriano, ha confermato la morte del proprio storico leader Abubakar Shekau deceduto in combattimento contro il gruppo rivale “Provincia occidentale dello…

17 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia