Ma c’è qualcuno che rivuole le preferenze? | T-Mag | il magazine di Tecnè

Ma c’è qualcuno che rivuole le preferenze?

Tutti parlano male del porcellum, ma intanto restano a banchettare con la porchetta elettorale

Abbiamo a che fare con un fenomeno strano. La discussione sul porcellum è ormai tanto logora che finan’anche la satira l’ha abbandonata. Non se n’è butta niente, questo è rimasto agli atti, e nulla più di questo rileva oggi. Parafrasando all’inverso l’adagio sull’araba Fenice, tutti vogliono spazzarlo via ma c’è solo chi lo dice. La questione referendum si fa spinosa proprio per questo, perché è chiaro che dal suo ideatore Calderoli – che ebbe anche cura di definire quella legge elettorale come una porcata – a oggi è impossibile rinvenire una dichiarazione di chiccessia che confermi che il sistema di estrazione del consenso va bene così com’è. Ognuno, per diversi motivi, ha rilievi e modifiche in mente. Alcuni come il reinserimento delle preferenze lo migliorerebbe, altri spostando il premio di maggioranza dalla coalizione al primo partito, lo peggiorerebbe.
Sta di fatto, comunque, che nessuno lo vuole così com’è. Le proposte di legge depositate in Parlamento non si contano, ma non vengono calendarizzate, a dimostrazione di un’inerzia ingiustificabile, come se non si trattasse di una stringete priorità, almeno per le opposizioni. All’indice inevitabilmente finisce il Pd, che sull’argomento ha conservato una linea diligentemente ondivaga, specie in riferimento alla posizione assunta sul referendum che in questi mesi si propone su questa materia. Il Partito democratico dice e non dice, fa e non fa. Non sostiene il referendum – e per questo adduce motivi anche comprensibili – ma non ne sposa neanche la causa, e questo sinceramente toglie capo ad ogni coda di polemiche che sul punto non manca di alimentare. Ritorni al mattarellum, proporzioniali corretti e maggioritari senza zucchero. Alla buvette di Montecitorio ne servono di ogni, ma poi non se ne fa nulla. Come nel menù dei ristoranti turistici, oyster & lobster non mancano mai. Altrettanto nei programmi dei partiti, è difficile che manchi una bella riforma della legge elettorale, ma esattamente come le aragoste restano congelate. Un menù turistico che conferma la più balneare delle legislature.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, quarantena e tampone obbligatori per chi viene in Italia dal Regno Unito

Quarantena obbligatoria di 5 giorni con obbligo di tampone per chi arriva in Italia dal Regno Unito. Lo prevede un’ordinanza firmata dal ministro della Salute,…

18 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Spagna, dal 26 giugno via obbligo mascherine all’aperto

Anche la Spagna, come la Francia alcuni giorni fa, ha annunciato che a breve toglierà l’obbligo di mascherina all’aperto. A riferirlo il premier Pedro Sanchez,…

18 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, Trump: «Deciderò se ricandidarmi dopo elezioni midterm»

L’ex presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, è tornato a parlare non escludendo una sua ricandidatura nel 2024, ipotesi di cui si discute da tempo.…

18 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Novara, sindacalista muore investito da un camion durante una manifestazione

Adil Belakhdim, 37 anni, coordinatore interregionale dei SiCobas, è morto questa mattina investito da un camion. L’episodio è avvenuto davanti ai cancelli della Lidl di…

18 Giu 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia