LA CRISI ECONOMICA E QUELLA DELLA RAI | T-Mag | il magazine di Tecnè

LA CRISI ECONOMICA E QUELLA DELLA RAI

Che d’estate sia lecito aspettarsi un palinsesto televisivo scarno è cosa risaputa. Si tende meno, però, a legittimare il vuoto assoluto se quest’ultimo è peculiarità del servizio pubblico. Specie in una fase congiunturale delicata come quella che stiamo attraversando.
Si era parlato di stakanovismo, nei giorni scorsi. E proprio su queste pagine ci si era chiesti a chi giovasse il silenzio della Rai sui temi caldi dell’agenda economica e politica. A parte qualche servizio nei tg, tuttavia dediti maggiormente ad inseguire i flirt di Federica Pellegrini, i cittadini sono tenuti al corrente poco – e male – su quanto sta avvenendo. Abbiamo scoperto di non essere i soli a lamentarsene.
Domenica in un lungo editoriale sul Corriere della Sera, Ernesto Galli Della Loggia domandava a Paolo Garimberti e a Lorenza Lei se anche loro sono italiani: “Abitano in Italia il presidente e il direttore generale della Rai? Vivono tra noi, condividono le nostre preoccupazioni e i nostri discorsi? Se la risposta è sì, come suppongo, allora è davvero inspiegabile come possano consentire che in questi giorni la stessa Rai, al di là della più scheletrica informazione sui fatti, lasci il Paese al buio, senza cercare di spiegargli a fondo quanto sta capitando”.
Non uno speciale dedicato, non un approfondimento. Sono trascorse settimane convulse in Rai, è vero. Ma le ore passate a riflettere sulla sorte di certe trasmissioni (vedi Report) giustificano una tale mancanza a scapito dei cittadini? Qualcuno chiosa: le casse della Rai non permettono granché. E con questo? In tempi di austerity richiesta in ogni dove anche l’azienda di Viale Mazzini avrebbe potuto immaginare un metodo alternativo di compensi e messa in onda.
Giusto per ricordarlo: giovedì si riuniranno le commissioni Affari costituzionali e Bilancio. Ci sarà pure il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti. Se non si correrà ai ripari sarà un’occasione sprecata. A guadagnarci sarebbero tanto i fruitori quanto gli addetti ai lavori.

 

2 Commenti per “LA CRISI ECONOMICA E QUELLA DELLA RAI”

  1. Finchè ci sarà questo governo, bisogna rassegnarsi. I diversi dirigenti Rai sono tutti pronti ad accontantare il premier al quale che fine faccia la Rai importa poco, l’importante è che le reti Mediaset vadano bene. Questi dirigenti Rai non hanno ambizione nel far primeggiare la Rai perché sono stati messi lì di proposito. Sono demotivati. Ma, mi chiedo, l’opposizione è sempre latitante? Non si interessa mai di che fine faccia la Rai? Qualcuno dovrà intervenire sulla televisione pubblica, affinché rimanga pubblica. Non è giusto che noi paghiamo un canone per una televisione fatta per far piacere solo a Berlusconi. Se deve continuare ad essere così che sia Berlusconi a pagare il canone.

  2. il d.g. LEI una altra furbona messa li dal VATICANO e che non capisce un CAZZO di televisione, si chiede perche’ il tg1 continua a perdere ascolti ,prova a chiederti perche’ li acquista LA7 INCAPACE

Scrivi una replica

News

Partito democratico, Nicola Zingaretti annuncia dimissioni da segretario

«Visto che il bersaglio sono io, per amore dell’Italia e del partito, non mi resta che fare l’ennesimo atto per sbloccare la situazione. Ora tutti…

4 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Ema avvia sperimentazione Sputnik V

L’Ema ha avviato la valutazione del vaccino russo Sputnik V. Lo comunica la stessa Ema, specificando che a presentare domanda per l’UE è stata la…

4 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Tokyo pronto a prorogare per altre due settimane lo stato di emergenza

Tokyo è pronto a prorogare lo stato di emergenza per altre due settimane oltre la scadenza del 7 marzo.…

4 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Papa in Iraq: «Chiederò a Dio perdono e pace dopo anni di guerra»

«Vengo come pellegrino penitente per implorare dal Signore perdono e riconciliazione dopo anni di guerra e di terrorismo, per chiedere a Dio la consolazione dei…

4 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia