Le morti sul lavoro che (non) si leggono sui giornali | T-Mag | il magazine di Tecnè

Le morti sul lavoro che (non) si leggono sui giornali

di Fabio Germani

L’incidente avvenuto lunedì nei pressi di Frosinone alla Pirotecnica Cancelli che ha causato la morte di sei persone (ci eravamo lasciati ieri con il bilancio di cinque) è di quelle notizie che finiscono in prima pagina, come è normale che sia. Sconcerta un po’, tuttavia – lo avevamo sottolineato anche in precedenti occasioni –, come sia l’incidente più o meno grave a stabilire la priorità di un tema delicato quale è la sicurezza sul lavoro. Sono quotidiane, purtroppo, le sciagure che avvengono sui luoghi di lavoro, non sempre menzionate dai giornali. Spesso neppure rientrano nelle statistiche ufficiali. Basti pensare che le stime di inizio anno dell’Inail avevano registrato una diminuzione delle morti sul lavoro nel 2010 del 6,9 per cento.
Ma a leggere quelle in “tempo reale” dell’Osservatorio Vega Engineering si scopre che rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso c’è stato un incremento del 7,4 per cento, pari a 24 vittime in più. Sono numeri poco lusinghieri che contemplano il sommerso rappresentato, ad esempio, da coloro che lavorano in nero. Morti silenziose, che non occupano alcuno spazio nei media.

 

Scrivi una replica

News

Germania, l’addio di Merkel: «Provo innanzitutto gratitudine»

Angela Merkel ha “salutato” la Germania. «Oggi provo innanzitutto gratitudine e umiltà di fronte all’incarico che così a lungo ho tenuto», ha detto alla cerimonia…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Oms: «Ancora nessun decesso per Omicron»

Secondo l’Oms al momento non si hanno informazioni su eventuali decessi legati alla nuova variante Omicron del Covid. Lo ha sottolineato oggi un portavoce dell’agenzia…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, ok a provvedimento che evita lo shutdown

Il Congresso americano ha approvato il provvedimento che evita lo shutdown e finanzia il governo fino a febbraio. Dopo la Camera (che aveva approvato in…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Nel 2021 si prevede un aumento del Pil pari al 6,3% e nel 2022 del 4,7%”

“Nel biennio 2021-2022 si prevede una crescita sostenuta del Pil italiano (+6,3% quest’anno e +4,7% il prossimo). L’aumento del Pil sarà determinato prevalentemente dal contributo della…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia