Caso Ruby. Per la procura di Milano non è conflitto di poteri | T-Mag | il magazine di Tecnè

Caso Ruby. Per la procura di Milano non è conflitto di poteri

Secondo Camera e Senato il giudizio del caso Ruby, nel quale Silvio Berlusconi è accusato di concussione e prostituzione minorile, spetterebbe al Tribunale dei Ministri e non alla procura di Milano. Montecitorio ha chiesto alla Corte Costituzionale di annullare tutti i provvedimenti presi, perchè “non spettava alla procura di Milano avviare indagini nei confronti del presidente del Consiglio in carica”. I pm di Milano rispondono però che non si tratta di conflitto di poteri in quanto “Berlusconi avrebbe abusato della qualità dell’incarico di presidente del Consiglio e non delle funzioni”.

 

Scrivi una replica

News

Domani riunione del Consiglio di sicurezza dell’Onu su Mo

 Si terrà domani alle 14 GMT (le 16 in Italia) una riunione virtuale del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite sul conflitto in corso tra…

14 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Giappone: “Stato d’emergenza in altre 3 prefetture”

Altre tre prefetture del Giappone si preparano a dichiarare lo stato di emergenza anti-Covid per far fronte ad aumento dei casi di coronavirus locali.  Hokkaido,…

14 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gaza, 119 le vittime da inizio scontri

Da inizio scontri, il ministero della sanità di Gaza, hanno registrato 119 vittime, tra i quali 31 bambini e 19 donne.…

14 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Afghanistan, Stati Uniti completano ritiro dei soldati da base kandahar

Gli Stati Uniti hanno completato il ritiro delle truppe dall’aeroporto di Kandahar, nel sud dell’Afghanistan, la seconda più grande base militare nel Paese per le…

14 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia