Caso Ruby. Per la procura di Milano non è conflitto di poteri | T-Mag | il magazine di Tecnè

Caso Ruby. Per la procura di Milano non è conflitto di poteri

Secondo Camera e Senato il giudizio del caso Ruby, nel quale Silvio Berlusconi è accusato di concussione e prostituzione minorile, spetterebbe al Tribunale dei Ministri e non alla procura di Milano. Montecitorio ha chiesto alla Corte Costituzionale di annullare tutti i provvedimenti presi, perchè “non spettava alla procura di Milano avviare indagini nei confronti del presidente del Consiglio in carica”. I pm di Milano rispondono però che non si tratta di conflitto di poteri in quanto “Berlusconi avrebbe abusato della qualità dell’incarico di presidente del Consiglio e non delle funzioni”.

 

Scrivi una replica

News

Meloni: «La Shoah fu un abisso dell’umanità»

«La Shoah rappresenta l’abisso dell’umanità. Un male che ha toccato in profondità anche la nostra Nazione con l’infamia delle leggi razziali del 1938. È nostro…

27 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Maturità 2023: latino al classico, matematica allo scientifico

Latino al classico, matematica allo scientifico. Sono state annunciate le materie della seconda prova per l’esame di Maturità 2023, che torna a svolgersi secondo quanto…

27 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Aiea: ieri esplosioni vicino a centrale nucleare di Zaporizhzhia

Potenti esplosioni vicino alla centrale nucleare di Zaporizhzhia occupata dai russi sono avvenute ieri durante l’attacco missilistico da parte delle forze di Mosca contro l’Ucraina.…

27 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »

Iran: attacco all’ambasciata azera, una vittima

Un morto e due persone rimaste ferite è il bilancio di un assalto all’ambasciata dell’Azerbaigian in Iran. Lo ha reso noto il ministero degli Esteri…

27 Gen 2023 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia