Confindustria, ecco il Progetto delle imprese per l’Italia | T-Mag | il magazine di Tecnè

Confindustria, ecco il Progetto delle imprese per l’Italia

“L’Italia si trova davanti ad un bivio. Può scegliere tra la strada delle riforme e della crescita in un contesto di stabilità dei conti pubblici o, viceversa, scivolare ineluttabilmente verso un declino economico e sociale.
Per questo le imprese hanno deciso di lanciare una proposta che indichi a tutti – Governo, Parlamento, forze politiche di maggioranza e opposizione, parti sociali, tutti gli italiani – pochi punti essenziali di forte discontinuità.
È necessaria la maggiore coesione possibile, di tutte le risorse e di tutte le intelligenze.
Da troppo tempo l’Italia non cresce.
Da troppo tempo le nostre imprese perdono competitività.
Da troppo tempo i giovani italiani vedono ridursi opportunità e speranze.
Da troppo tempo il 95% dei contribuenti dichiara redditi inferiori a 50.000 euro.
Le ragioni di tutto questo sono molteplici e nessuno può ritenersi esente da responsabilità.
Per l’ingente ammontare del suo debito pubblico, per la sua bassa crescita oramai quindicennale, per i suoi alti tassi di spesa pubblica e di prelievo fiscale, il nostro Paese da due mesi ha visto accrescere in maniera intollerabile il premio al rischio sui titoli di stato. Il deprezzamento dei listini erode il valore degli asset nazionali e del risparmio delle famiglie.
Oggi il tempo si è fatto brevissimo”.

Così si apre il Progetto delle imprese per l’Italia presentato dalla presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia (in altre parole il manifesto per salvare l’Italia). Il progetto consta di cinque punti: riforma fiscale, infrastrutture, privatizzazioni, liberalizzazioni, pensioni.

 

2 Commenti per “Confindustria, ecco il Progetto delle imprese per l’Italia”

  1. […] quello che il presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia, lancia al governo presentando il Progetto delle imprese per l’Italia. “Siamo pronti a fare la nostra parte come imprese”, ha quindi aggiunto Emma Marcegaglia. La […]

  2. nunzio

    continuiamo a toccare chi ha lavorato per anni… adesso non basteranno neanche 40 anni!!! e i politici che hanno la pensione assicurata dopo una legislatura??? Qui ci allungano gli anni e poi le aziende ci lasciano a casa xchè costiamo troppo!! VERGOGNA!!!!!

Scrivi una replica

News

Ucraina, Von der Leyen: «Se Mosca attacca, pronte sanzioni»

«Noi speriamo che l’attacco all’Ucraina non ci sia, ma se ci sarà noi siamo pronti. Non accettiamo il ritorno alle sfere d’influenza in Europa e…

20 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Cremlino: non escluso nuovo colloquio Putin-Biden

Nonostante il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, abbia in un primo momento criticato le parole di Biden di ieri perché «possono facilitare la destabilizzazione della…

20 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, obbligo vaccinale spinge le prime dosi tra gli over 50

Tra il 12 e il 18 gennaio, sono state somministrate 128.966 prime dosi di vaccino nella fascia d’età over 50, pari al 28,1% in più…

20 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giornalismo: è morto Sergio Lepri, ex direttore dell’Ansa

È morto Sergio Lepri, giornalista e direttore dell’agenzia di stampa Ansa dal 1962 al 1990. Aveva 102 anni. Era nato a Firenze nel 1919 e…

20 Gen 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia