Harold Camping e la fine del mondo | T-Mag | il magazine di Tecnè

Harold Camping e la fine del mondo

Diamo i numeri: la fine del mondo e la numerologia della Bibbia

Di Roberto Paura

Qualche secolo fa, quando il metodo scientifico non si era ancora affermato e si era lontani dall’immaginare che la Terra avesse 4,5 miliardi di anni e l’universo oltre 13, l’unico modo per cercare di capire quando Dio si era degnato di dire “sia la luce!” si basava sulla lettura della Bibbia. Nella Genesi non c’era nessuna data specifica, ma esiste una precisa genealogia che permette di calcolare quanti anni sono passati da Adamo fino, più o meno, alla nascita di Gesù. E poiché era opinione comune che Gesù fosse stato crocifisso nell’anno 33, c’erano i presupposti per riuscire a datare con esattezza il momento della Creazione. Nel 1650 il vescovo irlandese James Ussher convinse buona parte del mondo protestante che Dio aveva creato il mondo il 23 ottobre del 4004 a.C., alle nove del mattino. Gli ebrei non erano però dello stesso avviso: secondo i loro calcoli, il mondo era stato creato il 7 ottobre del 3761 a.C. Qualcuno azzardò anche una data più indietro nel tempo: il 5509 a.C. Fatto sta che la data di Ussher è oggi quella più accettata dai creazionisti, un gruppo di fondamentalisti cristiani degli Stati Uniti d’America che ancora oggi rifiutano le teorie darwiniane e le evidenze geologiche di un’origine del mondo datata oltre quattro miliardi di anni fa.

Continua a leggere su Fanpage.it

 

Scrivi una replica

News

Von der Leyen: «Stop all’export dell’AstraZeneca fino a rispetto dei patti»

«Ci aspettiamo che AstraZeneca accresca i suoi sforzi per distribuire di più e mettersi in pari. Questo sarà il riferimento sulla possibilità per l’azienda di…

8 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Draghi: «Compiere scelte meditate, ma rapide»

Il governo deve «moltiplicare ogni sforzo». Così il presidente del Consiglio, Mario Draghi, in un videomessaggio alla conferenza “Verso una Strategia Nazionale sulla parità di…

8 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Mattarella: «Rispettare e ascoltare le donne vuol dire lavorare per rendere migliore la nostra società»

«Perché disparità economiche, discriminazioni e violenze sono tutte figlie della stessa radice. Figlie di una mentalità dura a scomparire, che si annida anche nei luoghi…

8 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Myanmar, l’esercito occupa ospedali e università

L’esercito birmano ha occupato diversi ospedali e alcune università, in vista di uno sciopero generale proclamato dai sindacati per protestare contro il golpe del 1°…

8 Mar 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia