Torna il varietà. Con Fiorello si rivede un po’ di sana tv | T-Mag | il magazine di Tecnè

Torna il varietà. Con Fiorello si rivede un po’ di sana tv

Chi scrive non è un esperto di televisione. La mastica poco e non se ne dispiace. In compenso gli potrebbe capitare, a volte, di guardare qualche talk show politico a cui spesso segue un interminabile senso di colpa.
Esaurito il tempo di rivolgersi al lettore in terza persona, arriviamo dritti al punto: nonostante le abitudini, la curiosità di vedere la prima de Il più grande spettacolo dopo il weekend era tanta. Almeno per capire se la spasmodica attesa che Fiorello era riuscito a infondere nel suo pubblico tramite Twitter fosse giustificata. La risposta è sì, ne è valsa la pena.
Fiorello è riuscito a coniugare passato e presente in ogni siparietto proposto, da Carosone in versione modern jazz all’inno d’Italia rap (con tanto di dedica quirinalizia). Il suo sembra il varietà di un’era fa, ma decisamente innovativo e intervallato da ospitate di classe e coreografie (proprio come avveniva nei grandi show di una volta) nonché dai duetti con l’immancabile Baldini. La scenografia, maestosa.
Fiorello si lascia andare sovente all’improvvisazione, in questo è un autentico fuoriclasse, e non risparmia frecciatine politiche. Dal “governo tecno” (ce li vedete Monti e Napolitano, insieme, che urlano “su le mani, su le mani!”?) e le “bandane a mezz’asta ad Arcore”, alla traduzione in tedesco di Michelle Hunziker dell’appello che il conduttore rivolge alla cancelliera tedesca Angela Merkel (e a proposito di fondoschiena, “secondo me – ha detto un incurante Fiorello – al contrario di quello che hanno detto, lei ha un culetto piccolo piccolo”).
La chiusura con Giorgia che canta “in bianco e in nero” è l’emblema dell’effetto vintage dello spettacolo (seguitissimo su Twitter, l’hashtag #ilpiùgrandespettacolodopoilweekend era trending topic prima che iniziasse lo show) che Fiorello e gli autori hanno evidentemente voluto esaltare. Di questi tempi fatti di soli reality potrebbe essere un rischio, ma a loro è riuscito benissimo. E così si è rivista anche un po’ di sana tv.

F. G.

 

Scrivi una replica

News

Superlega, l’Uefa ai club ritirati: “Passo indietro da ammirare, bentornate”

L’Uefa e in particolare Aleksander Ceferin, hanno accolto con grande soddisfazione il ritiro di sette club dalla Superlega: “Gli errori si possono commettere, importante è…

21 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Superlega, si ritira anche l’Inter

Dopo la notizia del ritiro dei sei club inglesi, anche l’Inter ha annunciato il proprio ritiro dalla Superlega. “A queste condizioni non ci interessa”, fanno…

21 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Superlega, si ritirano sei squadre inglesi

Le sei squadre inglesi che facevano parte dei club fondatori della Superlega (Arsenal, Manchester City, Manchester United, Chelsea e Liverpool), si sono ritirate e hanno…

21 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Recovery, La Corte Costituzionale tedesca boccia il ricorso

Il piano europeo di ripresa del Recovery fund è stato bocciato dalla Corte Costituzionale tedesca. La Corte di Karlsruhe a fine marzo aveva accolto l’esame…

21 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia