Lavoro e migranti, al via la campagna “Stopcaporalato” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Lavoro e migranti, al via la campagna “Stopcaporalato”

Cgil, Fillea e Flai li hanno stimati in 550 mila persone. All’incirca 400 mila nel settore agricolo, 150 mila nell’edilizia. Sono i lavoratori che vivono in condizioni miserrime e senza alcuna tutela se non quelle –non propriamente a fin di bene – dei cosiddetti caporali.
Per queste ragioni è stata lanciata la campagna Stopcaporalato che riguarda la raccolta firme e una serie di iniziative già intraprese su tutto il territorio nazionale.
“Il fenomeno del caporalato – si legge nell’appello – è particolarmente presente nei settori dell’edilizia e dell’agroindustria, dove un numero sempre maggiore di operai e braccianti, italiani e migranti, sono sottoposti al ricatto ed allo sfruttamento da parte di caporali, spesso al soldo di organizzazioni criminali.
Su questa diffusa realtà talvolta si sono accesi i riflettori dei mass media, imponendo all’attenzione di tutti la triste realtà del lavoro nero e delle condizioni disumane in cui sono costretti migliaia di lavoratori. Avvenne un anno fa con la rivolta di Rosarno, avviene talvolta in occasione di una tragedia in cantiere. Ma purtroppo, passato il clamore tutto rimane come prima ed i lavoratori continuano ad essere soggiogati al ricatto di questi criminali pur di poter continuare a lavorare onestamente.
Le nostre stime prudenziali indicano in 550mila il numero complessivo dei lavoratori nelle mani dei caporali ed il oltre 800mila i lavoratori a nero”.
Spesso, hanno sottolineato i sindacati, i lavoratori che vivono tale situazione sono migranti che accettano il ricatto, costretti come sono a dichiarare meno ore di lavoro o ad aprire false partite Iva, pur di guadagnare qualche cosa. Si tratta di una fetta consistente di lavoratori non censiti per cui anche gli infortuni (ne abbiamo parlato spesso su queste pagine) non verrebbero contemplati nelle statistiche ufficiali né assistiti nelle cure mediche. Nella manovra di Ferragosto è stato introdotto, sebbene la materia non sia ancora del tutto chiara, il reato di caporalato che prevede fino a otto anni di reclusione (ma solo in caso di aggravanti, quali il ricorso alla violenza) e sanzioni pecuniarie. Ma spesso accade che per mantenere il lavoro, per quanto non gratificante, molti di coloro che subiscono le ingiustizie siano disposti all’omertà. Così tutto resta sottaciuto. “Per questo – concludono i sindacati –, rivolgiamo un appello a tutte le donne e gli uomini di buon senso, a tutto il mondo del volontariato e dell’associazionismo, al mondo della cultura, dell’informazione, dello spettacolo, dello sport, agli imprenditori e alle loro associazioni, ai giovani ed agli studenti, alla società civile tutta, affinchè facciano propria la nostra richiesta di riconoscere il caporalato un reato in quanto tale, prevedere pene e sanzioni adeguate, introdurre clausole di salvaguardia per i lavoratori migranti non in regola con il permesso di soggiorno che vogliono denunciare i propri sfruttatori”.

 

Scrivi una replica

News

Stati Uniti, richiesta di sospensione per il vaccino Johnson&Johnson

Gli Stati Uniti chiedono una sospensione sul vaccino Johnson&Johnson dopo alcuni casi di coagulazione. L’anticipazione è del New York Times, che ha sottolineato come la…

13 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “A febbraio produzione industriale +0,2%”

“A febbraio 2021 si stima che l’indice destagionalizzato della produzione industriale aumenti dello 0,2% rispetto a gennaio. Nella media del trimestre dicembre-febbraio il livello della…

13 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Case, si allungano i tempi di vendita secondo un’analisi di Tecnocasa

Dall’analisi condotta dall’Ufficio Studi Tecnocasa dal 2010 ad oggi, limitato alle grandi città, emerge un lieve rallentamento delle tempistiche per la compravendita della casa nelle…

13 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, studio commercialisti: “-35 miliardi nella ristorazione”

Dall’Osservatorio sui bilanci 2019 del Consiglio e della Fondazione nazionale dei commercialisti emerge che nel 2021 si stima una riduzione del fatturato del 35% contro…

13 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia