Come il cinema racconta l’amore | T-Mag | il magazine di Tecnè

Come il cinema racconta l’amore

di Martina Marotta

La passione per il cinema è come l’arte: non si deve dare spazio solo a quei film continuamente pubblicizzati, bisogna cercare, scoprire anche qualcosa di meno conosciuto, perché magari potrebbe rivelarsi un piccolo capolavoro. Un motore di ricerca in questo caso può fare miracoli, reindirizzandoci verso blog e siti dove recensioni e commenti possono guidarci nella scelta di ciò che vogliamo guardare.
Soffermiamoci in particolare sui film d’amore: il cinema ce ne mostra diversi aspetti, dall’amore onirico all’amore tragico, infantile o più maturo, infelice o a lieto fine.
Ma la maggior parte di noi si sofferma all’apparenza, ai film che ci propongono le tv e le sale cinematografiche, che troppo spesso hanno trame simili tra loro e di conseguenza lasciano prevedere ben poco allo spettatore.
Avete mai sentito parlare de Il cielo sopra Berlino, Se mi lasci ti cancello, Amami se hai coraggio o L’arte del sogno? Capolavori del cinema d’autore da riscoprire, assolutamente imperdibili per chi è stufo di vedere i soliti e a volte noiosi film romantici odierni e ha voglia di sognare un po’ di più.
Ma qual è la trama vista e rivista nel cinema contemporaneo? Oggi i giovani guardano perlopiù storie di coetanei (fantasy o reali che siano) intrappolati in passioni proibite, dove lui è spesso il “bad boy” tormentato e misterioso e lei è la ragazza della porta accanto, gentile e cristallina. Il sesso femminile impazzisce per storie come queste, identificandosi nella “lei” ed aspettando un bel tenebroso che le ami alla follia. Quest’idea dei film di oggi non è sbagliata, peccato non sia propriamente nuova: basti pensare al Wuthering Heights con Laurence Olivier o a quello ben più recente con Ralph Fiennes, datati rispettivamente 1939 e 1992, o al famosissimo Via col vento del 1939.
Un altro tipo di storia d’amore che amano i giovani è l’esatto contrario di quella appena descritta: la giovane forte e trasgressiva di cui si innamora l’uomo timido ma brillante. Inutile dire che anche questa è una trama non proprio originale: vi dicono nulla classici come Colazione da Tiffany, Lolita e Pretty Woman?
Esempi di ieri, ma con trame somiglianti ai film di oggi; la differenza è che rispetto ad una ventina di anni fa, dove la passione esplicita era un tabù, il cinema attuale mette in mostra un amore più dettagliato, più visto e meno immaginato.
Se questo sia un bene o un male, lo deve giudicare lo spettatore.

 

1 Commento per “Come il cinema racconta l’amore”

  1. non vedo molti films ma le storie d’amore sono sempre eguali perchè le persone sono sempre eguali. e per fortuna. però abbiamo anche gli amori lui-lui o lei -lei. tiziano Ferro ha sdoganato questi rapporti in Italia. scommetto che avremo presto anche felici matrimoni italian gay con prole affittata.

Scrivi una replica

News

Secondo l’UPB il PIL salirà del 5,8% nel 2021

Secondo la Nota di agosto sulla congiuntura economica, pubblicata questa mattina dall’Ufficio Parlamentare di Bilancio, nel corso del 2021 il Prodotto Interno Lordo Italiano crescerà…

3 Ago 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Il Garante della Privacy ha inflitto una sanzione a Deliveroo per l’uso illecito dei dati personali dei rider

Il Garante della Privacy ha inflitto ha Deliveroo Italy una multa di 2,5 milioni di euro per aver trattato in modo illecito i dati personali di…

3 Ago 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Tokyo 2020, l’Italia del basket e della pallavolo escono ai quarti

Non solo giornata di trionfi, ma anche di delusioni, oggi, martedì 3 agosto, a Tokyo 2020. Delusioni che riguardano il basket e la pallavolo. Nel…

3 Ago 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Tokyo 2020: Tita-Banti, medaglia d’oro nella vela

Ancora grandi emozioni alle Olimpiadi di Tokyo. È arrivato infatti il quinto oro per la nostra delegazione, nella vela. Con il sesto posto nella medal…

3 Ago 2021 / 1 Commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia