Rai, Augusto Minzolini rinviato a giudizio per peculato | T-Mag | il magazine di Tecnè

Rai, Augusto Minzolini rinviato a giudizio per peculato

Il direttore del Tg1, Augusto Minzolini, è stato rinviato a giudizio per peculato nell’ambito delle spese Rai (per circa 65 mila euro in 14 mesi, ma la somma è stata già restituita) sostenute con la carta di credito aziendale. Il rinvio a giudizio è stato deciso dal gup Francesco Patrone il quale ha accolto la richiesta del procuratore aggiunto Alberto Caperna. Il processo prenderà il via l’8 marzo davanti ai giudici della sesta sezione penale del tribunale di Roma.

 

1 Commento per “Rai, Augusto Minzolini rinviato a giudizio per peculato”

  1. […] contestato nulla”. Questa l’immediata replica del direttore del Tg1, Augusto Minzolini, alla notizia del rinvio a giudizio per peculato. “Sono indignato – ha spiegato Minzolini – per le cose che sono state dette […]

Scrivi una replica

News

Coronavirus, la Francia anticipa il coprifuoco alle 18

Il virus continua a costringere i governi ad adottare misure più stringenti per contenere la pandemia: dopo la Cina, che ha imposto il lockdown in…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Paesi Bassi: si è dimesso il governo guidato da Rutte

Il governo olandese si è dimesso. Lo ha annunciato il premier Mark Rutte, in carica dal 2010. Fatale uno scandalo che ha coinvolto circa 20mila…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, misure più dure per entrare in Belgio dai Paesi extra Ue

Il Belgio, a causa del protrarsi della pandemia, ha inasprito le regole per l’ingresso dai Paesi extra Ue, incluso il Regno Uniti.  In concreto, ai…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Berlino: «Prendere molto sul serio la mutazione del virus»

«Il governo osserva con grande attenzione gli effetti della mutazione del Covid, che si è diffusa in Gran Bretagna e Irlanda, e anche i Laender…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia