Stragi naziste in Italia. Per l’Aja, Berlino non deve risarcire le vittime | T-Mag | il magazine di Tecnè

Stragi naziste in Italia. Per l’Aja, Berlino non deve risarcire le vittime

E’ stato accolto dalla Corte internazionale di giustizia dell’Aja il ricorso presentato da Berlino contro l’Italia. Il ricorso dello stato tedesco chiedeva il blocco delle indennità alle vittime dei crimini nazisti. La sentenza ha accolto tutti i punti del ricorso di Berlino. Secondo la Corte, l’Italia “ha mancato di riconoscere l’immunità riconosciuta dal diritto internazionale” alla Germania per i reati commessi dal Terzo Reich. L’Aja ha ha ordinato all’Italia “di prendere tutte le misure necessarie” affinché le decisioni dei tribunali italiani, che contravvengono alla sua immunità siano prive d’effetto e che i suoi giudici non pronunzino più sentenze su simili casi.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, in Italia nelle ultime 24 ore registrati 1.912 nuovi casi

Nelle ultime 24 ore sono stati registrati 1.912 casi positivi, il numero giornaliero più alto dalla fine del lockdown. Lo ha reso noto il ministero…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Prometeia prevede un calo del 9,6% per il Pil italiano nel 2020

Il centro studi Prometeia ha aggiornato le stime sull’economia italiana nel 2020 e nel 2021, indicando un calo del PIL del 9,6% quest’anno e una…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Francia, attacco presso l’ex sede di Charlie Hebdo: quattro persone ferite

Un attacco a Parigi nella tarda mattinata di oggi, nei pressi dell’ex sede di Charlie Hebdo, che nel gennaio 2015 fu teatro della strage compiuta…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »

Fratelli d’Italia, Raffaele Fitto positivo al coronavirus

Il candidato del centrodestra alla presidenza della Regione Puglia ha annunciato su Facebook di essere risultato positivo al tampone per il coronavirus. Positiva anche la…

25 Set 2020 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia