I suicidi nel 2010: i dati accertati dalla Polizia e dai Carabinieri | T-Mag | il magazine di Tecnè

I suicidi nel 2010: i dati accertati dalla Polizia e dai Carabinieri

di Matteo Buttaroni

Le persone che potrebbero tentare di togliersi la vita sono per lo più maschi, sposati, con un’età compresa tra i 45 e i 60 anni, spesso alle prese con problemi di tipo psichico e con un livello di istruzione fermo alla licenza media inferiore, fuori dal mondo del lavoro. E’ quanto emerge dall’ultima indagine diffusa dall’Istat in riferimento ai suicidi e ai tentativi di suicidio denunciati alla Polizia e ai Carbinieri nel 2010.
Secondo il rapporto stilato dall’Istituto nazionale di statistica in Italia nel 2010 si sono registrati 3.048 suicidi (dunque in aumento rispetto ai 2.399 dell’anno precedente) di cui 2.252 al centro-nord e 796 nel mezzogiorno. I tentativi di suicidio sono stati invece 3.101 in tutto lo stivale, divisi in 2.317 nel centro-nord e 784 nel mezzogiorno. La regione italiana che ha registrato più suicidi è la Lombardia che con 496 decessi è seguita dal Veneto a 320 ed Emilia Romagna a 278.
All’ultimo posto troviamo la Valle d’Aosta che conta 15 suicidi, penultimo il Molise con 20 e terzultima la Basilicata con 40. La città nella quale si sono verificati più suicidi risulta Roma che ne ha registrati 207, seguita da Bologna con 98 e Milano con 90, mentre quella che ne ha registrati meno è stata Isernia: solo due in tutto il 2010. Secondo i dati dell’Arma dei Carabinieri e della Polizia, delle 3.048 persone che si sono tolte la vita in Italia, 2.399 erano maschi e 649 femmine. Nella fascia di età che arriva ai 13 anni si sarebbero verificati cinque suicidi; tra i 14 e i 17 anni, 19 suicidi; tra i 18 e i 24, 114 suicidi; tra i 25 e i 44 anni, 803; tra i 45 e i 64 anni, sono stati registrati 1063 e per le età che vanno oltre i 65 anni 1.038 suicidi.
Nella maggior parte dei casi si verificano tra persone sposate (1.242), mentre i membri di coppie separate sono meno inclini al suicidio (378). Il suicida è risultato fermo il più delle volte alla licenza media inferiore (1.335), seguito da persone con un livello di istruzione elementare (868 casi), poi laureati o con diploma di scuola superiore (654), mentre sono stati 104 nel 2010 i suicidi di persone prive di titoli di studio.
Il maggior numero dei decessi per suicidio si è verificato nel contesto di individui affetti da problemi psichici (1.100 casi) o per motivi affettivi (324 casi). In alcune occasioni (187 casi) anche i motivi economici hanno contribuito alla decisione dell’estremo gesto. Il mezzo di esecuzione più utilizzato risulta la corda per l’impiccagione che, con 1.305 casi, precede la precipitazione (688), l’arma da fuoco (362), l’annegamento (155), l’avvelenamento (115) e l’asfissia da gas (75).
Nel 2010 il mese n cui si sono registrati più suicidi è stato marzo con 318 casi, seguito da giugno con 289 e luglio con 286. L’ora in cui si sono tolte la vita più persone risulta varia tra le 8 e le 11 di mattina.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Cina allenta restrizione sul Covid

La Cina ha reso noto che da oggi ci sarà un allentamento generale delle restrizioni sul Covid riducendo i requisiti obbligatori e la frequenza dei…

7 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Superbonus, Enea: «Al 30 novembre detrazioni a 64 miliardi»

«E’ aumentato a 58,11 miliardi di euro, al 30 novembre, il totale degli investimenti ammessi alla detrazione del Superbonus al 110%; a fine ottobre erano…

7 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Blinken: «Usa non hanno incoraggiato Kiev a colpire la Russia»

«Non abbiamo né incoraggiato né permesso agli ucraini di colpire all’interno della Russia». Lo ha reso noto il segretario di Stato americano Antony Blinken parlando…

7 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, piano di attacco al Bundestag: arrestati 25 membri di un gruppo terroristico

Raid della polizia tedesca oggi in tutta la Germania dove sono stati arrestati 25 membri di un “gruppo terroristico” di estrema destra sospettato di pianificare…

7 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia