L’accesso (impossibile) ai curricula di studenti e laureati | T-Mag | il magazine di Tecnè

L’accesso (impossibile) ai curricula di studenti e laureati

di Silvia Spattini e Michele Tiraboschi

In un clima di acceso confronto sulla riforma del lavoro nessuno ha ancora notato che, ad oltre sei mesi dalla sua entrata in vigore, largamente disatteso è l’obbligo di legge che impone a scuole e università di rendere pubblici, in modo gratuito e attraverso i propri siti internet, i curricula di studenti, diplomati e laureati (cfr. la legge n. 15 luglio 2011, n. 111 su cui M. Tiraboschi, Mediazione più larga e ordinata, Il Sole 24 Ore, 6 luglio 2011, vedilo in www.bollettinoadapt.it, Rassegna Stampa). Eppure, anche solo una considerazione di buon senso potrebbe indicare che uno dei gravi problemi che penalizzano i giovani sul mercato del lavoro è la totale assenza di trasparenza sui curricula e sulla circolazione delle relative informazioni.
Per il 65% delle università contattate, non è possibile l’accesso diretto e gratuito on line ai CV dei loro studenti o laureati.
Ma ancor più sorprendente, considerando la nuova normativa, è che per oltre la metà delle università i curricula dei propri studenti siano accessibili alla aziende unicamente a pagamento attraverso il sito di Almalaurea (consorzio al quale tali università aderiscono).
Soltanto il 35% delle università contattate prevede la possibilità di accesso on line ai CV degli studenti e laureati. In realtà, solo il 10% del totale gestisce direttamente la pubblicazione dei curricula. Negli altri casi, la consultazione dei CV avviene attraverso sistemi informatici esterni, ai quali le Università aderiscono: AlmaScelta (di Almalaurea) oppure il sistema SOUL (Sistema di Orientamento Universitario al Lavoro, al quale partecipano le università del Lazio).
Alcune Università consorziate ad Almalaurea, per adempiere all’obbligo di pubblicazione e messa a disposizione gratuita dei CV, hanno predisposto sui loro siti il collegamento ad AlmaScelta che, in tale ambito di riferimento, mette a disposizione blocchi di 100 CV gratuiti. All’esaurimento del “pacchetto” è necessario rinnovare la richiesta di accesso.
Con riferimento a SOUL, è invece emerso che l’accessibilità al sistema è garantita soltanto alle aziende, non invece alle agenzie per il lavoro, le quali eventualmente devono chiedere direttamente alle facoltà delle università aderenti i CV degli studenti e laureati.
Per il 12% delle Università contattate, inoltre, non è possibile l’accesso diretto ai CV on line. Occorre tuttavia, precisare che alcuni di questi Atenei mettono a disposizione le informazioni relative ai propri laureati fornendo veri e propri CV oppure liste contenenti i dati anagrafici e universitari.
Soltanto due Università non sono disponibili a fornire liste, né affermano che stanno organizzandosi per adeguarsi alla normativa.
È evidente come tale situazione determini un danno notevole per i giovani laureati. La scarsa diffusione e circolazione dei loro CV nel mercato del lavoro e la difficoltà delle aziende ad ottenere i curricula riducono indubbiamente le opportunità di inserimento nel mercato del lavoro. L’occupazione giovanile non è solo legata alla flessibilità in entrata e alla riforma dell’articolo 18, ma dipende anche dalla capacità di applicare le buone leggi che già esistono e sono tuttavia disattese.
Per dare maggiori opportunità ai giovani di accesso al mercato del lavoro è, infatti, prioritario che scuole e università si organizzino per rendere finalmente accessibili, in modo libero e gratuito, i curricula dei propri studenti, diplomati e laureati. Aiutare i giovani nella difficile transizione dalla scuola al lavoro dovrebbe invero essere una delle principali mission delle nostro scuole e università. Il fatto che questa sensibilità non sia ancora maturata impone allora adeguate azioni ispettive e di controllo per verificare che quantomeno le leggi buone che esistono vengano rispettate.

Silvia Spattini
Direttore e Senior Research fellow di ADAPT

Michele Tiraboschi
Responsabile scientifico di ADAPT

Per gentile concessione di Adapt – Associazione per gli Studi Internazionali e Comparati sul Diritto del lavoro e sulle Relazioni Industriali (www.adapt.it).

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Cina allenta restrizione sul Covid

La Cina ha reso noto che da oggi ci sarà un allentamento generale delle restrizioni sul Covid riducendo i requisiti obbligatori e la frequenza dei…

7 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Superbonus, Enea: «Al 30 novembre detrazioni a 64 miliardi»

«E’ aumentato a 58,11 miliardi di euro, al 30 novembre, il totale degli investimenti ammessi alla detrazione del Superbonus al 110%; a fine ottobre erano…

7 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Blinken: «Usa non hanno incoraggiato Kiev a colpire la Russia»

«Non abbiamo né incoraggiato né permesso agli ucraini di colpire all’interno della Russia». Lo ha reso noto il segretario di Stato americano Antony Blinken parlando…

7 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Germania, piano di attacco al Bundestag: arrestati 25 membri di un gruppo terroristico

Raid della polizia tedesca oggi in tutta la Germania dove sono stati arrestati 25 membri di un “gruppo terroristico” di estrema destra sospettato di pianificare…

7 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia