Solo l’1 per cento delle farmacie online è legale | T-Mag | il magazine di Tecnè

Solo l’1 per cento delle farmacie online è legale

Il caso di Teresa Sunna, la giovane di 28 anni morta sabato a Barletta dopo un test clinico in cui ha assunto una sostanza acquistata su eBay e che conteneva con ogni probabilità nitrito di sodio con una concentrazione del 70% (il sorbitolo non ha mai ucciso nessuno, ha chiarito il tossicologo Roberto Gagliano Candela), ha acceso i riflettori su una questione a quanto pare molto più grave di quanto si possa immaginare. La nota dell’Agenzia italiana del farmaco non sembra ammettere repliche al riguardo: solo l’1% delle farmacie online è legale.
“Il quadro generale – spiega l’Aifa – è reso complesso da una serie di motivi, in primo luogo una situazione eterogenea, anche in ambito europeo, dove coesistono attualmente situazioni diverse: se in alcuni paesi si è infatti proceduto ad autorizzare le farmacie online, e l’attività di vendita e acquisto di farmaci in rete è dunque considerata legale, in altri, come l’Italia, ciò non è ancora avvenuto. Secondo l’ente statunitense LegitScript – si apprende ancora –, il servizio di verifica e controllo delle farmacie online, l’unico riconosciuto ufficialmente dalle federazioni dei farmacisti, solo l’1% delle 40 mila farmacie censite sarebbe legale, ovvero controllato dalle autorità competenti. Il resto dell’esistente sarebbe invece rappresentato da farmacie false o illegali. Le prime dedite esclusivamente alla frode, le seconde alla diffusione di prodotti sospetti e non conformi agli standard vigenti”. In Italia comunque lo shopping in rete di prodotti farmaceutici chiude la classifica degli acquisti online confermando come gli italiani preferiscano acquistare beni ma non servizi alla persona, per i quali ripongono maggiore fiducia nei canali del commercio tradizionale. infatti, negli ultimi dodici mesi solo l’1,5% degli italiani dichiara di aver comprato medicine in rete, secondo lo studio di Tecnè Italia Nuovo habitat tecnologico.
Il ministero della Salute, tuttavia, ha fatto sapere che in questo settore dal 2005 ad oggi sono state segnalate all’autorità giudiziaria 5.445 persone (1.742 nel 2011), arrestate 337 persone (84 nel 2011) e sequestrate 3.664.000 tra fiale e compresse (1.335.000 nel 2011). Avremmo una domanda a tale proposito. Che poi è la stessa che ci siamo posti in altre occasioni, su tutte in materia di sicurezza sul lavoro e malattie professionali. Perché enti o istituzioni preposte al proprio ambito di competenza non sviluppano campagne mediatiche adeguate che esulino dal mero spot fine a se stesso? Sarebbe opportuno essere più informati sui rischi che corriamo, a quanto pare, spesso inconsapevolmente.

F. G.

 

Scrivi una replica

News

Ilo: «Italia peggiore nel G20 per salari reali, -12% da 2008»

I salari in Italia sono più bassi del 12% rispetto al 2008 in termini reali. E’ quanto emerge dal Global Wage Report 2022-23 presentato dall’Ilo,…

2 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Giorgetti: «Centreremo gli obiettivi entro fine anno»

«In questi giorni, stiamo lavorando intensamente per conseguire i 55 obiettivi del II semestre 2022, per poter presentare a Bruxelles la terza richiesta di pagamento…

2 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bonomi: «Per flat tax e prepensionamenti penalizzate le imprese»

«Le risorse mancate per gli investimenti delle imprese si devono anche al fatto che una parte delle risorse a disposizione, al netto degli interventi sull’energia,…

2 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »

Bce, Lagarde: «Fondamentale riportare l’inflazione al target 2%»

«La Bce, date le incertezze sull’economia globale e la volatilità dei prezzi, deve assicurare che in tutti gli scenari l’inflazione tornerà al nostro obiettivo velocemente».…

2 Dic 2022 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia