Nel giorno della Juve, il Milan si prende la scena | T-Mag | il magazine di Tecnè

Nel giorno della Juve, il Milan si prende la scena

di Fabio Germani

Il brutto del calcio è che ad un certo punto, inevitabilmente, si chiudono i cicli. Il bello è che fortunatamente, di questi tempi almeno, si riesce a parlare di sport. Fuori tempo massimo, è vero. Ma per una volta, anche se all’ultima giornata, abbiamo evitato polemiche sul calcioscommesse e ruberie varie. Per quelle ci sarà ancora tempo.
Il campionato di Serie A non si è chiuso in modo rocambolesco in stile Premier League inglese, con il Manchester City di Roberto Mancini che si è aggiudicato il titolo all’ultimo minuto. In compenso si è chiuso tra le lacrime dei campioni che lasciano. Alcuni le squadre in cui hanno militato per anni nella buona e nella cattiva sorte, altri direttamente il calcio giocato. Quello fatto di gol e sudore, chiedere a Pippo Inzaghi e ad Alex Del Piero.
Nel giorno della festa-scudetto juventina si è così consumato l’addio dello storico capitano bianconero ai suoi tifosi che intanto a squarciagola chiedevano alla società di prolungargli ancora un po’ il contratto. A Milano, nel frattempo, Inzaghi segnava – forse – la sua ultima rete da professionista. Tanta gioia e commozione a cui si sono poi sommate quelle di Gattuso, Nesta, Seedorf e Zambrotta. Tutti in partenza, a sancire la fine del ciclo – durato per lo più un decennio – di un Milan vincente in Italia e nel mondo (due scudetti, una Coppa Italia, due Champions League, due Supercoppe europee e un mondiale per club).
Non possiamo sapere quanto ci sia stato di “studiato” dalle parti di Milanello. Quello che è certo è che la società rossonera, annunciando la scorsa settimana gli adii di alcuni dei più amati beniamini (che, diciamola tutta, significherà anche alleggerire le casse di onerosi stipendi a calciatori in età avanzata), è stata capace di catalizzare una buona fetta di attenzione mediatica su di sé in una giornata calcistica tinta di bianco e di nero, rendendo in questo modo omaggio a un intero periodo di trionfi e alle sue bandiere. Il Milan ha scippato l’esclusiva del palcoscenico nonché una cospicua parte di “televisività” – che nel calcio conta tantissimo – alla Juventus campione dopo gli anni di purgatorio, decretando una rivalità al di fuori del mero aspetto agonistico e al di là, soprattutto, del consueto onore delle armi. Ad Adriano Galliani è stato steso un tappeto rosso e dinanzi alle telecamere ha potuto ricordare i successi del Milan, alla faccia della Juve che ha vinto ai suoi danni con una settimana di anticipo. Strategia comunicativa o no, in genere non si parla di chi arriva secondo con una tale enfasi.

 

Scrivi una replica

News

Speranza: «Dal 16 maggio stop quarantena Paesi Eu e voli Covid tested anche per aeroporti di Venezia e Napoli»

«Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato un’ordinanza che prevede l’ingresso dai Paesi dell’Unione Europea e dell’area Schengen, oltre che da Gran Bretagna e…

14 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Giappone: stato d’emergenza in altre tre prefetture

Altre tre prefetture del Giappone si preparano a dichiarare lo stato di emergenza anti-Covid per far fronte ad aumento dei casi di coronavirus locali.  Hokkaido,…

14 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gaza, 119 le vittime da inizio scontri

Da inizio scontri, il ministero della sanità di Gaza, hanno registrato 119 vittime, tra i quali 31 bambini e 19 donne.…

14 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Afghanistan, Stati Uniti completano ritiro dei soldati da base Kandahar

Gli Stati Uniti hanno completato il ritiro delle truppe dall’aeroporto di Kandahar, nel sud dell’Afghanistan, la seconda più grande base militare nel Paese per le…

14 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia