La disoccupazione ai massimi dal 1999 | T-Mag | il magazine di Tecnè

La disoccupazione ai massimi dal 1999

Nel primo trimestre 2012 il tasso di disoccupazione è pari al 10,9% (+2,3 punti percentuali rispetto a un anno prima). Il tasso di disoccupazione maschile, dopo la crescita del precedente trimestre, aumenta su base annua di 2,1 punti percentuali, portandosi al 10%; quello femminile aumenta di 2,6 punti, posizionandosi al 12,2%. A renderlo noto è l’Istat: si tratta del dato più alto dal primo trimestre del 1999.
Nel primo trimestre 2012 – fa sapere ancora l’Istat – il numero degli occupati diminuisce in termini tendenziali dello 0,4% (-81.000 unità). Il risultato sintetizza il nuovo calo dell’occupazione maschile a fronte della positiva tendenza di quella femminile.
Al calo dell’occupazione italiana rispetto a un anno prima (-155.000 unità) si associa la crescita di quella straniera (+74.000 unità). Tuttavia, mentre il tasso di occupazione degli italiani segnala un lieve arretramento (dal 56,2% al 56,1%), quello degli stranieri è in ulteriore significativa riduzione: dal 62,4 del primo trimestre 2011 al 60%.
L’aumento dell’occupazione italiana più adulta (+121.000 unità, nella classe con almeno 55 anni), soprattutto a tempo indeterminato, si contrappone al persistente calo su base annua di quella più giovane (-251.000 unità, nella classe fino a 34 anni). Il tasso di occupazione dei 15- 34enni italiani passa dal 43,9% del primo trimestre 2011 all’attuale 42,7%.
Gli occupati a tempo pieno accentuano la dinamica riduttiva (-2,1%, pari a -415.000 unità). La caduta tendenziale, settorialmente diffusa, riguarda sia l’occupazione dipendente a carattere permanente sia quella autonoma full-time. Gli occupati a tempo parziale continuano a crescere, e in misura eccezionalmente forte (+9,6%, pari a 334.000 unità), ma si tratta quasi esclusivamente di part-time involontario.
L’industria in senso stretto interrompe il recupero avviatosi nel 2011, registrando un calo tendenziale dello 0,7% (-31.000 unità), concentrato nelle imprese di medie dimensioni. Per il sesto trimestre consecutivo prosegue il calo tendenziale degli occupati nelle costruzioni (-4,5%, pari a -84.000 unità). Il terziario registra una modesta variazione positiva (+0,2%, pari a 28.000 unità), a sintesi della crescita delle posizioni lavorative dipendenti, soprattutto nella componente più adulta e in quella a tempo parziale, e della discesa di quelle autonome. Il numero dei disoccupati registra un forte aumento su base tendenziale (+30%, pari a 646.000 unità), portandosi a 2.801.000 unità. La crescita, che riguarda sia gli uomini sia le donne, interessa l’insieme del territorio nazionale. La crescita del numero dei disoccupati è dovuta in circa i due terzi dei casi a quanti hanno perso la precedente occupazione (+416.000 unità). In questo gruppo, il 37,7% (157.000 unità) ha non più di 34 anni e il 62,3% (259.000 unità) ha almeno 35 anni.
Il tasso di disoccupazione è pari al 10,9%, in crescita di 2,3 punti percentuali rispetto a un anno prima; l’indicatore passa dal 7,9% del primo trimestre 2011 al 10% per gli uomini e dal 9,6% all’attuale 12,2% per le donne. L’agricoltura, invece, registra una sostanziale stabilità del numero di occupati a sintesi della crescita delle posizioni lavorative dipendenti, concentrata nel Nord e nel Mezzogiorno, e della discesa di quelle autonome.
Peggio vai ai giovani. Il tasso di disoccupazione dei 15-24enni sale dal 29,6% del primo trimestre 2011 al 35,9%, con un picco del 51,8% per le giovani donne del Mezzogiorno. L’area della disoccupazione maschile straniera, invece, cresce su base annua di 49.000 unità; quella femminile aumenta di 58.000 unità.
Nella classe tra 15 e 24 anni, il numero delle persone in cerca di occupazione è pari a 631.000 unità (131.000 unità in più in confronto al primo trimestre 2011).
In confronto a un anno prima, nel primo trimestre 2012 l’aumento delle persone in cerca di lavoro interessa in misura prevalente gli ex-occupati (+38,6%, pari a 416.000 unità). Continua a crescere anche il gruppo degli ex-inattivi con precedenti esperienze lavorative (+21,5%, pari a 105.000 unità) e quello alla ricerca del primo impiego (+21,1%, pari a 125.000 unità in più rispetto al primo trimestre 2011).
Nel primo trimestre 2012 il tasso di inattività della popolazione tra 15 e 64 anni si attesta al 36,4%, in riduzione di 1,4 punti percentuali rispetto a un anno prima. Il risultato deriva sia dalla moderata discesa tendenziale dell’indicatore per gli uomini (dal 26,9% al 26,2%) sia dal più sostenuto calo per le donne (dal 48,6% al 46,6%).
Nel Nord l’indicatore scende dal 30,5% del primo trimestre 2011 al 29,6%; nel Centro passa dal 33,9% al 32,8%; nel Mezzogiorno si riduce dal 49,4% al 47,3% del primo trimestre 2012. In questa ripartizione, il risultato riflette la contemporanea riduzione del tasso d’inattività maschile (-1,3 punti percentuali) e, per il sesto trimestre consecutivo, di quello femminile (dal 63,9% del primo trimestre 2011 al 60,9%).
Il tasso di inattività della popolazione straniera tra 15 e 64 anni sale dal 16,6% al 17,6% per gli uomini; per le donne l’indicatore scende dal 40,2% al 39,6%.
Il tasso di inattività dei giovani tra 15 e 24 anni scende dal 72,1% del primo trimestre 2011 al 70,9%. Il calo è diffuso sia tra gli uomini sia tra le donne e interessa soprattutto le regioni meridionali.
Lo studio (o la formazione professionale) rappresenta per oltre quattro quinti dei giovani inattivi la principale ragione della mancata partecipazione al mercato del lavoro.

 

Scrivi una replica

News

Colpo di Stato in Sudan, arrestato il primo ministro

Colpo di Stato in Sudan, dove i militari hanno arrestato il primo ministro Abdalla Hamdok, oltre ad alcuni membri civili del consiglio sovrano di transizione…

25 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, casi in aumento anche in Germania

L’aumento dei contagi in Germania – il Robert Koch Institut ha segnalato una crescita dell’incidenza settimanale su 100 mila abitanti passata a 110,1 – sta…

25 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Turchia, record negativo lira dopo espulsione ambasciatori

La lira turca ha toccato un nuovo record negativo dopo l’espulsione ordinata dal presidente Recep Tayyip Erdogan di dieci ambasciatori occidentali nel paese, tra i…

25 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

«A livello globale, 4,5 miliardi di persone sono iscritte ai social network»

Ad ottobre 2021, il numero degli utenti a livello mondiale dei social media ha raggiunto quota 4,5 miliardi. Lo rende noto rapporto Digital 2021 October…

25 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia