Usa 2012. Gli spot elettorali dei candidati/16 | T-Mag | il magazine di Tecnè

Usa 2012. Gli spot elettorali dei candidati/16

di Fabio Germani

Breve ripasso, data l’assenza per un paio di settimane di questa rubrica. Partiamo da un presupposto: questo appuntamento è dedicato interamente a Mitt Romney. Perché? Presto detto: con la recente vittoria in Texas l’ex governatore del Massachusetts si è aggiudicato gli ultimi delegati di cui necessitava per intascare la nomination, per quanto l’ufficialità verrà data alla convention repubblicana che si terrà dal 27 al 30 agosto a Tampa.
Lo sapevamo già, è vero, ma insomma, adesso è anche una certezza matematica: sarà Romney a sfidare Obama nella corsa alla Casa Bianca di novembre. Il presidente statunitense, infatti, ha chiamato Romney per congratularsi con lui e per invitarlo, in vista della campagna elettorale, ad un dibattito “responsabile”. Nel frattempo, tuttavia (ma si sa, fa parte del gioco) lo staff presidenziale ha ironizzato e non poco sull’ultima gaffe dello sfidante. Martedì era stata lanciata l’applicazione ufficiale del candidato repubblicano. With Mitt, è il nome dell’app per iPhone. Peccato che nello slogan sia comparso un refuso grande così. Anziché A Better America si leggeva infatti A Better Amercia. Inutile stare a raccontare le parodie e gli scherni scatenati sui social network.
Ma è di spot che ci occupiamo principalmente in questa rubrica. E come al solito ne mostriamo alcuni tra i più significativi diffusi in questi giorni. Dalla famiglia al lavoro, passando per la campagna Obama isn’t working, il repertorio è piuttosto vasto.

Curiosità: alcuni giorni fa Fox News ha trasmesso un servizio sulle promesse non mantenute dell’amministrazione Obama. Sono seguite delle polemiche, non tanto per il resoconto in sé quanto per le modalità. Più che ad un servizio giornalistico, infatti, il video appare simile ad un lungo spot contro Obama.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, la Francia anticipa il coprifuoco alle 18

Il virus continua a costringere i governi ad adottare misure più stringenti per contenere la pandemia: dopo la Cina, che ha imposto il lockdown in…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Paesi Bassi: si è dimesso il governo guidato da Rutte

Il governo olandese si è dimesso. Lo ha annunciato il premier Mark Rutte, in carica dal 2010. Fatale uno scandalo che ha coinvolto circa 20mila…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, misure più dure per entrare in Belgio dai Paesi extra Ue

Il Belgio, a causa del protrarsi della pandemia, ha inasprito le regole per l’ingresso dai Paesi extra Ue, incluso il Regno Uniti.  In concreto, ai…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Berlino: «Prendere molto sul serio la mutazione del virus»

«Il governo osserva con grande attenzione gli effetti della mutazione del Covid, che si è diffusa in Gran Bretagna e Irlanda, e anche i Laender…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia