Il lavoro che (volendo) c’è | T-Mag | il magazine di Tecnè

Il lavoro che (volendo) c’è

Qualche numero, giusto per rendere l’idea di quanto pesi la crisi economica sui cittadini, Corrado Passera lo ha sviscerato domenica durante il Festival dell’economia di Trento.
“Noi – ha spiegato il ministro dello Sviluppo economico – siamo in una realtà in Europa dove 50 milioni di persone o sono disoccupate o sono sotto-occupate ed in Italia ci sono tra inoccupati che non cercano lavoro, disoccupati, cassintegrati e sotto-occupati, sette milioni di persone, a cui si possono collegare quattro famigliari a testa, che vivono la crisi. Significa 28 milioni di persone”.
Una prima ricetta, certo non esaustiva, è stata in seguito proposta dallo stesso Passera. “La green economy può avere anche in Italia un impatto sulla creazione dei posti di lavoro. La capacità delle nostre aziende, che può essere supportata ulteriormente, è notevole”, ha detto il ministro sulla base della strategia europea 20-20-20.
Tuttavia c’è da osservare che, al di là delle prospettive dei nuovi settori, di posti vacanti per determinate tipologie professionali ce ne sarebbero. Come ad esempio cuoco, badante, addetto per le pulizie o cameriere. Sarebbero 630 mila, infatti, i posti in palio stando ai numeri della Fondazione Hume per La Stampa, che ha raccolto i dati del Sistema Informativo Excelsior dell’Unioncamere e quelli del ministero del Lavoro.
Nei settori legati al turismo (alloggio e ristorazione) è disponibile il 26,4% di posti vacanti. Nell’ambito del commercio al dettaglio sono 62.310 le assunzioni potenziali e 57.290 (9%) quelle nelle costruzioni. Il problema è, semmai, di altra natura. Solo nel 5,8% dei casi sono garanti contratti a tempo indeterminato.
Dopo i cuochi – la categoria più richiesta con 38.860 unità –, si cerca “personale non qualificato nei servizi di pulizia e in altri servizi alla persona”. Subito dopo i tecnici amministrativi finanziari e bancari per 19.780 posti. Da notare che nel 45% dei casi, il che la rende una rarità, sono richiesti giovani al di sotto dei 29 anni.
A livello di città è Roma ad offrire maggiori possibilità (7,2% del campione), a seguire Milano (6,6%), Napoli (3,9%), Torino (3,3%) e Verona (2,6%). Per quanto riguarda le Regioni, la prima è la Lombardia con 99.500 assunzioni.
Non sono notizie da prendere sottogamba o da tenere nascoste, queste. Molto più se si considerano i recenti dati sul tasso di disoccupazione a dir poco allarmanti. Nel primo trimestre 2012 il tasso di disoccupazione è stato pari al 10,9%, per i 15-24enni ha registrato un incremento dal 29,6% del primo trimestre 2011 al 35,9% (con un picco del 51,8% per le giovani donne del Mezzogiorno), mentre sempre nel primo trimestre dell’anno il tasso di inattività della popolazione tra 15 e 64 anni si è attestato al 36,4%.

 

Scrivi una replica

News

Titoli di Stato: spread Btp/Bund a 104 punti

All’avvio dei mercati finanziari lo spread tra Btp e Bund si è attestato a quota 104 punti.…

18 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Petrolio: Wti a 85,7 dollari al barile e Brent a 83,4 dollari

All’avvio dei mercati asiatici il greggio texano Wti è stato scambiato a 85,7 dollari al barile mentre il Brent è stato scambiato a 83,4 dollari.…

18 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

India, almeno 25 vittime per piogge torrenziali

Sono almeno 25 le vittime causate dalle piogge torrenziali che hanno colpito il sud-ovest dell’India, provocando smottamenti di terreno e inondazioni.…

18 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, 45mila nuovi contagi in Gran Bretagna

Nuovo balzo di contagi in Gran Bretagna, dove nelle ultime 24 ore si sono registrati 45.100 nuovi casi di coronavirus. I morti sono 57.…

18 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia