In Italia la sanità non è per tutti | T-Mag | il magazine di Tecnè

In Italia la sanità non è per tutti

di Matteo Romani

“Più di 9 milioni di italiani dichiarano di non aver potuto accedere ad alcune prestazioni sanitarie di cui avevano bisogno per ragioni economiche. 2,4 milioni sono anziani, 5 milioni vivono in coppia con figli, 4 milioni risiedono nel Mezzogiorno”. Il dato emerge dalla ricerca Rbm Salute-Censis “Il ruolo della sanità integrativa nel Servizio sanitario nazionale” promossa in collaborazione con Munich Re e presentata martedì a Roma al “Welfare Day”.
Si tratta di dati particolarmente significativi, specialmente in un paese che ha fatto della sanità pubblica, accessibile a tutti e, seppure con delle compartecipazioni, tendenzialmente gratuita, un modello dominante sin dallo sviluppo del Servizio sanitario nazionale. Cosa è successo per far sì che non tutti gli italiani potessero accedere alle prestazioni di cui hanno bisogno? Certamente la crisi economica ha influito e non poco sulle tasche degli italiani. Ma a ciò bisogna aggiungere il collasso del sistema sanitario, schiacciato da un malaffare dominante e dalle esplosioni incontrollate di costi e servizi. Per evitare il tracollo lo stato è dovuto intervenire. Piani di rientro e spending review hanno limitato i danni, determinando il crollo del ritmo di crescita della spesa pubblica per la sanità: “Si è passati da un tasso di incremento medio annuo del 6% nel periodo 2000-2007 – si legge nel rapporto – al +2,3% del periodo 2008-2010. La flessione si registra soprattutto nelle regioni con piano di rientro, dove si è passati dal +6,2% all’anno nel periodo 2000-2007 a meno dell’1% di crescita media annua nel periodo 2008-2010”. Ma le conseguenze non si sono fatte attendere. “La spesa sanitaria privata invece – si legge ancora nell’indagine – è aumentata più che nel periodo pre-crisi: +2,2% medio annuo nel periodo 2000-2007 e +2,3% negli anni 2008-2010 (l’incremento complessivo nel periodo 2000-2010 è stato del 25,5%). E il 77% di coloro che ricorrono al privato lo fa a causa della lunghezza delle liste d’attesa”. In sostanza si va dal privato anche e soprattutto perché dal pubblico si aspetta troppo. Le liste di attesa sono un altro caposaldo delle crisi della sanità italiana. Tempi biblici, mesi, a volte anni, per una visita che diventa quasi un miracolo e spinge il paziente a ricorrere all’imprenditore che però fa pagare, e anche caro. Non tutti chiaramente posso permetterselo. Ed ancora: “Nel 2015 è previsto un gap di circa 17 miliardi di euro tra le esigenze di finanziamento della sanità e le risorse disponibili nelle regioni. I tagli alla sanità pubblica abbassano la qualità delle prestazioni e generano iniquità”. Non solo il pubblico ti fa aspettare ma lo prestazioni erogate spesso non solo all’altezza. Ed il gradimento dei cittadini non può che essere conseguente: “parla di una sanità in peggioramento nella propria regione il 31,7% degli italiani, con un balzo di 10 punti percentuali in più nel 2012 rispetto al 2009, quando erano il 21,7%. Le persone che avvertono invece un miglioramento sono diminuite di oltre 7 punti percentuali”.
Per rilanciare il sistema assistenziale nazionale, tanto nelle regioni sottoposte a piani di rientro quanto in quelle a regime “ordinario” occorre innanzitutto riorganizzare il sistema. Il regime commissariale, i tagli a posti letto e prestazioni e le chiusure di ospedali rappresentano solo un debole palliativo. E’ necessario puntare a servizi territoriali che alleggeriscano il tasso di ospedalizzazione oggi eccessivo e che, al contempo, liberino i pronto soccorso dei grandi nosocomi dall’eccessivo afflusso di codici bianchi e verdi (fenomeno questo che, insieme ad una ma gestione, ha determinato le scene da sanità da terzo mondo che televisioni e giornali ci propinano settimanalmente). Solo agendo in questo modo si può ripartire con una sanità efficiente ed efficace. Ma senza perdere ulteriore tempo.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, la Francia anticipa il coprifuoco alle 18

Il virus continua a costringere i governi ad adottare misure più stringenti per contenere la pandemia: dopo la Cina, che ha imposto il lockdown in…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Paesi Bassi: si è dimesso il governo guidato da Rutte

Il governo olandese si è dimesso. Lo ha annunciato il premier Mark Rutte, in carica dal 2010. Fatale uno scandalo che ha coinvolto circa 20mila…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, misure più dure per entrare in Belgio dai Paesi extra Ue

Il Belgio, a causa del protrarsi della pandemia, ha inasprito le regole per l’ingresso dai Paesi extra Ue, incluso il Regno Uniti.  In concreto, ai…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Berlino: «Prendere molto sul serio la mutazione del virus»

«Il governo osserva con grande attenzione gli effetti della mutazione del Covid, che si è diffusa in Gran Bretagna e Irlanda, e anche i Laender…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia