Caso Lusi: il Senato autorizza l’arresto, 155 i voti a favore. L’ex tesoriere: “Sono un capro espiatorio” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Caso Lusi: il Senato autorizza l’arresto, 155 i voti a favore. L’ex tesoriere: “Sono un capro espiatorio”

L’aula del Senato ha autorizzato, con voto palese, l’arresto del senatore dell’ex Margherita Luigi Lusi. I sì sono stati 155, i no 3, un astenuto. Il Pdl non ha partecipato al voto. L’aula ha approvato il parere della giunta per le Immunità che aveva dato il via libera alla richiesta di arresto avanzata dalla procura di Roma.
“Non fatemi diventare un capro espiatorio”, aveva detto in precedenza Lusi intervenendo nell’aula del Senato. “Ritengo – ha affermato il senatore – di dovermi assumere per intero le mie responsabilità morali e politiche, di fronte a quest’assemblea e al Paese. Ma per quanto riguarda le responsabilità penali, come un normale cittadino voglio potermi difendere e chiedo di accedere alle garanzie del giusto processo senza inutili e devastanti forzature che possano appagare la crescente ondata dell’antipolitica, soddisfare chi evoca i forconi, trovare un colpevole per tutte le stagioni, per quella che è una vicenda complessa. Sento il dovere – ha aggiunto – di pronunciare simboliche scuse per le condizioni in cui si trova adesso la società. Il legislatore deve tenere distinta l’autorizzazione alla misura cautelare dall’istituto ancora non previsto dell’anticipazione della pena”.
Lusi, durante il suo intervento, è tornato anche ad accusare i vertici della Margherita: “I milioni di euro potevo gestirli io da solo? Non solo non è credibile, ma neanche materialmente realizzabile: il tesoriere autonomamente avrebbe deciso di finanziare Centro futuro sostenibile, ma è possibile?”.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, la Francia anticipa il coprifuoco alle 18

Il virus continua a costringere i governi ad adottare misure più stringenti per contenere la pandemia: dopo la Cina, che ha imposto il lockdown in…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Paesi Bassi: si è dimesso il governo guidato da Rutte

Il governo olandese si è dimesso. Lo ha annunciato il premier Mark Rutte, in carica dal 2010. Fatale uno scandalo che ha coinvolto circa 20mila…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, misure più dure per entrare in Belgio dai Paesi extra Ue

Il Belgio, a causa del protrarsi della pandemia, ha inasprito le regole per l’ingresso dai Paesi extra Ue, incluso il Regno Uniti.  In concreto, ai…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Berlino: «Prendere molto sul serio la mutazione del virus»

«Il governo osserva con grande attenzione gli effetti della mutazione del Covid, che si è diffusa in Gran Bretagna e Irlanda, e anche i Laender…

15 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia