Istat: “Stima preliminare del commercio estero con i paesi extra Ue” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Istat: “Stima preliminare del commercio estero con i paesi extra Ue”

“A maggio 2012, rispetto al mese precedente, si registra una crescita del 5,5% per le esportazioni e dell’1,2% per le importazioni”. Questo è quanto rende noto l’Istat in un comunicato diffuso oggi, giovedì 21 giugno.
“L’aumento congiunturale dell’export, diffuso a tutti i principali raggruppamenti di beni, risulta – prosegue la nota – particolarmente accentuato per l’energia (+51,1%). Dal lato dell’import la crescita interessa in particolare i beni strumentali (+10,7%), mentre i beni di consumo non durevoli registrano una flessione (-3,4%).
Nell’ultimo trimestre la crescita congiunturale delle esportazioni (+4,9%) interessa soprattutto l’energia (+13,2%) e i beni strumentali (+8,6%). La contenuta crescita delle importazioni (+1,3%) è dovuta, invece, ai prodotti intermedi (+3,7%) e all’energia (+3,3%).
Rispetto a maggio 2011, l’aumento delle esportazioni (+14,1%) coinvolge tutti i principali comparti, con un tasso di crescita ampiamente superiore alla media per l’energia (+35,4%). Se per le importazioni totali si registra una flessione tendenziale dello 0,9%, per i prodotti intermedi la diminuzione è molto consistente (-12,6%). Gli acquisti di energia (+9,1%) e di beni strumentali (+5,8%) risultano, invece, in espansione.
A maggio 2012 la bilancia commerciale registra un avanzo di 306 milioni di euro, in netto miglioramento rispetto a maggio 2011 (-1.877 milioni). Infatti, a fronte di un contenuto peggioramento del deficit energetico su base annua (da -4.792 a -4.971 milioni di euro), si amplia notevolmente l’avanzo nell’interscambio di prodotti non energetici (da 2.915 a 5.277 milioni di euro).
I mercati più dinamici all’export sono: Stati Uniti (+40,4%), OPEC (+37,1%), Giappone (+21,2%), Turchia (+17,1%), ASEAN (+16,9%) ed EDA (+15,8%). Le vendite verso la Cina, invece, registrano una flessione (-15,4%).
La diminuzione delle importazioni di beni riguarda – conclude il comunicato – in particolare quelli provenienti da: Turchia (-22,8%), India (-17,4%), ASEAN (-7,6%), EDA (-7,5%) e Svizzera (-7,0%). I paesi OPEC registrano un rilevante incremento (+50,7%)”.

 

Scrivi una replica

News

Governo, Conte: «Aiutateci a rimarginare la crisi in atto»

«Aiutateci a rimarginare la crisi in atto». Lo ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, intervenendo alla Camera dei deputati. «Cari cittadini, la fiducia…

18 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Navalny: «Nonno-Putin ha paura»

«Ho visto che molte volte si sono fatti beffe del sistema giudiziario ma presumo che il nonno che se ne sta nel bunker (Vladimir Putin,…

18 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Portavoce Navalny: «Mosca non lo fa parlare con l’avvocato»

«L’avvocato di Alexey, Olga Mikhailova, è stata davanti al dipartimento di polizia di Khimki per un’ora, ha presentato alla polizia il suo mandato e le…

18 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue: «Rilascio immediato di Navalny»

La Germania ha chiesto il rilascio immediato dell’oppositore russo, Alexey Navalny, con il ministro degli esteri tedesco che ha definito incomprensibile l’arresto. Anche il presidente…

18 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia