Crisi economica, Istat: “Il Pil italiano in crescita nel I trimestre 2012,+0,4%” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Crisi economica, Istat: “Il Pil italiano in crescita nel I trimestre 2012,+0,4%”

“Nel 2011 l’economia italiana ha registrato una crescita del Prodotto interno lordo (Pil) in volume pari allo 0,4%. Il valore aggiunto è aumentato dello 0,1% nell’industria e dello 0,8% nei servizi, mentre ha subito una flessione dello 0,5% nel settore primario”. Lo rende noto l’Istat in un comunicato diffuso oggi, lunedì 25 giugno.
“A livello di ripartizione territoriale – prosegue la nota – il Pil è aumentato in misura superiore alla media nazionale nel Nord-est (+0,9%) e nel Nord-ovest (+0,6%), mentre è cresciuto appena dello 0,1% nel Centro
ed è rimasto stazionario nel Mezzogiorno.
All’incremento del Pil nel Nord-est hanno contribuito tutti i settori economici: il valore aggiunto è aumentato dell’1,1% sia nell’industria sia nei servizi, un valore significativamente più elevato delle omologhe variazioni medie nazionali (+0,1% e +0,8%, rispettivamente). Rilevante è stato anche il contributo del settore agricolo, che ha fatto registrare un incremento del valore aggiunto del 2,1%.
Nel Nord-ovest – rileva l’Istat – è stata l’industria a trainare la crescita, con un incremento del valore aggiunto dell’1,2%, mentre il settore terziario è cresciuto dello 0,7% e l’agricoltura dello 0,3%.
Il Centro e il Mezzogiorno sono le aree geografiche che, nel 2011, manifestano le maggiori difficoltà. In entrambe le ripartizioni soltanto il valore aggiunto del terziario mostra un incremento (+0,8% nel Centro e +0,7% nel Mezzogiorno), mentre sia l’agricoltura sia l’industria subiscono una significativa contrazione. In particolare, il valore aggiunto del settore agricolo diminuisce del 2,4% nel Centro e dell’1,6% nel Mezzogiorno,quello dell’industria si riduce dell’1,9% nel Centro e dell’1,8% nel Mezzogiorno.
L’andamento dell’occupazione nel 2011 rispecchia le differenze nelle dinamiche territoriali del valore aggiunto: a un aumento dell’input di lavoro nelle regioni del Nord (+0,3% nel Nord-ovest, +0,9% nel Nord-est), si contrappone una flessione nelle regioni del Centro-sud (-0,5% nel Centro e -0,3% nel Mezzogiorno). Le principali disparità territoriali – conclude la nota – si registrano per l’occupazione del settore industriale, cresciuta dell’1,5% nel Nord-ovest e dell’1,4% nel Nord-est e in marcata contrazione nel Centro (-4,3%) e nel Mezzogiorno
(-2,2%)”.

 

Scrivi una replica

News

Colpo di Stato in Sudan, arrestato il primo ministro

Colpo di Stato in Sudan, dove i militari hanno arrestato il primo ministro Abdalla Hamdok, oltre ad alcuni membri civili del consiglio sovrano di transizione…

25 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, casi in aumento anche in Germania

L’aumento dei contagi in Germania – il Robert Koch Institut ha segnalato una crescita dell’incidenza settimanale su 100 mila abitanti passata a 110,1 – sta…

25 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Turchia, record negativo lira dopo espulsione ambasciatori

La lira turca ha toccato un nuovo record negativo dopo l’espulsione ordinata dal presidente Recep Tayyip Erdogan di dieci ambasciatori occidentali nel paese, tra i…

25 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

«A livello globale, 4,5 miliardi di persone sono iscritte ai social network»

Ad ottobre 2021, il numero degli utenti a livello mondiale dei social media ha raggiunto quota 4,5 miliardi. Lo rende noto rapporto Digital 2021 October…

25 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia