Crisi economica, Istat: “Il Pil italiano in crescita nel I trimestre 2012,+0,4%” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Crisi economica, Istat: “Il Pil italiano in crescita nel I trimestre 2012,+0,4%”

“Nel 2011 l’economia italiana ha registrato una crescita del Prodotto interno lordo (Pil) in volume pari allo 0,4%. Il valore aggiunto è aumentato dello 0,1% nell’industria e dello 0,8% nei servizi, mentre ha subito una flessione dello 0,5% nel settore primario”. Lo rende noto l’Istat in un comunicato diffuso oggi, lunedì 25 giugno.
“A livello di ripartizione territoriale – prosegue la nota – il Pil è aumentato in misura superiore alla media nazionale nel Nord-est (+0,9%) e nel Nord-ovest (+0,6%), mentre è cresciuto appena dello 0,1% nel Centro
ed è rimasto stazionario nel Mezzogiorno.
All’incremento del Pil nel Nord-est hanno contribuito tutti i settori economici: il valore aggiunto è aumentato dell’1,1% sia nell’industria sia nei servizi, un valore significativamente più elevato delle omologhe variazioni medie nazionali (+0,1% e +0,8%, rispettivamente). Rilevante è stato anche il contributo del settore agricolo, che ha fatto registrare un incremento del valore aggiunto del 2,1%.
Nel Nord-ovest – rileva l’Istat – è stata l’industria a trainare la crescita, con un incremento del valore aggiunto dell’1,2%, mentre il settore terziario è cresciuto dello 0,7% e l’agricoltura dello 0,3%.
Il Centro e il Mezzogiorno sono le aree geografiche che, nel 2011, manifestano le maggiori difficoltà. In entrambe le ripartizioni soltanto il valore aggiunto del terziario mostra un incremento (+0,8% nel Centro e +0,7% nel Mezzogiorno), mentre sia l’agricoltura sia l’industria subiscono una significativa contrazione. In particolare, il valore aggiunto del settore agricolo diminuisce del 2,4% nel Centro e dell’1,6% nel Mezzogiorno,quello dell’industria si riduce dell’1,9% nel Centro e dell’1,8% nel Mezzogiorno.
L’andamento dell’occupazione nel 2011 rispecchia le differenze nelle dinamiche territoriali del valore aggiunto: a un aumento dell’input di lavoro nelle regioni del Nord (+0,3% nel Nord-ovest, +0,9% nel Nord-est), si contrappone una flessione nelle regioni del Centro-sud (-0,5% nel Centro e -0,3% nel Mezzogiorno). Le principali disparità territoriali – conclude la nota – si registrano per l’occupazione del settore industriale, cresciuta dell’1,5% nel Nord-ovest e dell’1,4% nel Nord-est e in marcata contrazione nel Centro (-4,3%) e nel Mezzogiorno
(-2,2%)”.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Fauci: «La mancanza di sincerità e di fatti è costata vite umane»

«La mancanza di sincerità e di fatti sul fronte della pandemia è costata molto probabilmente vite umane». Lo ha detto il virologo statunitense, Anthony Fauci,…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Recovery Fund, Conte: «Ha una valenza trasformativa per il Paese»

«Questo piano ha una valenza trasformativa per il Paese». Lo avrebbe detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, al termine dell’incontro con i sindacati sul…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Lavoro, Bankitalia: «Nel 2020 è cresciuta notevolmente la quota di imprese che usano lo smart working»

Nel 2020, complici le misure restrittive introdotte a causa dell’emergenza sanitaria, la quota delle imprese che hanno fatto ricorso allo smart working è cresciuta in…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, l’indice Rt è sceso a 0,97 dopo cinque settimane in aumento

Nel periodo compreso tra il 30 dicembre 2020 e il 12 gennaio 2021, l’indice di trasmissibilità Rt medio calcolato sui casi sintomatici è stato pari a 0,97 (range 0,85-1,11),…

22 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia