“State of the Net” e i nuovi modelli di business | T-Mag | il magazine di Tecnè

“State of the Net” e i nuovi modelli di business

Si è chiuso sabato a Trieste l’evento State of the Net, giunto alla seconda edizione. Un incontro di due giorni tra i maggiori analisti che si confrontano sullo “stato” di Internet in Italia. Alla kermesse hanno partecipato 27 speaker internazionali, oltre 500 partecipanti, 50 persone coinvolte nell’organizzazione. Si è parlato di rete, di social network, di città digitali, di open data, di turismo, di editoria digitale, di e-commerce e m-commerce, di trasparenza e privacy, di politica e democrazia.
State of the Net – hanno affermato i fondatori della conferenza, Beniamino Pagliaro, Paolo Valdemarin e Sergio Maistrello – è il nostro impegno a far crescere la consapevolezza sul fatto che internet è il presente, e non il futuro. Nei prossimi mesi continueremo a lavorare su un percorso orientato alla formazione e all’approfondimento che ci accompagnerà alla prossima edizione della conferenza, tra un anno, nel 2013″.
Tante le curiosità scoperte durante la manifestazione. Ad esempio che “Imu” è stata la parola più ricercata in Italia dagli utenti nei primi mesi del 2012, con picchi di aumento del 5000%. Un modo, insomma, per comprendere anche gli umori della società analizzando i “percorsi” intrapresi online.
Ma è nell’ambito dell’e-commerce che non giungono le migliori notizie. L’Italia, infatti, è il fanalino di coda per l’e-commerce in Europa, davanti solo alla Romania, con il 5% di aziende italiane che vendono online contro una media europea del 15% e il 36% registrato dalla Norvegia che guida la classifica. Sono soprattutto le piccole e medie imprese a registrare un importante gap nell’utilizzo di internet come canale di vendita. “Prendendo come paragone la Germania – si legge in una nota pubblicata sul sito ufficiale dell’evento -, solo l’11% delle medie aziende vendono online, contro il 30% delle medie aziende tedesche e il gap è ancora più evidente nelle piccole aziende di cui solo 5% utilizza l’e-commerce contro il 19% delle tedesche di pari dimensione”.
I dati sono stati presentati da Matteo Menin, director Between. “Nonostante il ritardo registrato nel nostro Paese – è stato tuttavia spiegato -, le prospettive sono però molto positive e i brand stanno cominciando a cogliere le opportunità della rete: l’e—commerce è infatti in forte crescita in tutte le aree geografiche, inclusa l’Italia che nel 2011 ha registrato un +19% nel valore delle vendite online B2C da siti italiani; e ancora, lo spending in outsourcing dovrebbe raddoppiare in tre anni passando da 1,5 miliardi di euro nel 2012 a tre miliardi di euro nel 2015. Indicazioni positive anche dalle abitudini di pagamento online: mentre nel 2006 oltre la metà degli utenti italiani di e-commerce pagava ancora off line (contrassegno, bonifico allo sportello o trasferimento postale), nel 2011 la transazione è ormai effettuata online tramite carta prepagata (50%), Paypal o analoghi (30%), bonifico online (8%) e il contrassegno è sceso dal 20% del 2006 all’8% del 2011”.
Anche il device da cui si acquista online sta velocemente passando dal desktop al mobile e nei prossimi due anni si dovrebbe verificare il sorpasso del m-commerce sull’e-commerce; oggi il 25% degli utenti di smartphone ha acquistato almeno un prodotto o servizio online e il 59% effettua mobile commerce almeno una volta al mese. Questi, invece, sono i dati presentati da Marco Massarotto, founder di Hagakure.
“Dall’intervento di Massarotto a State of the Net – si legge nel comunicato – emerge infine un significativo ampliamento dei canali di vendita online, dal sito aziendale, ai social network fino ai blog, fenomeno a cui i brand dovrebbero dare il giusto valore per sfruttarne le opportunità. Il social commerce consente alle grandi aziende così come alle PMI ma anche ai privati, di vendere prodotti o servizi utilizzando canali di vendita online, agevolati da una maggiore propensione all’acquisto online di community che sono già in rete. Per fare business online ormai non è più necessario avere un sito, il negozio online può vivere anche in modalità temporary su blog tematici, aprendo la strada quindi anche nuovi modelli di business”.

 

Scrivi una replica

News

Von der Leyen: “Agiremo contro minaccia valori Ue avanzata dalla Polonia”

“Sul rispetto dello stato di diritto in Polonia non permetteremo che i valori Ue siano messi a rischio. La Commissione europea agirà. Le opzioni sono…

19 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Torino, Lo Russo nuovo sindaco: “Voglio che si ascolti la città”

Stefano Lo Russo, candidato del centrosinistra, batte al ballottaggio Paolo Damilano e sarà dunque il nuovo sindaco di Torino.…

19 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Roma, Gualtieri: “Sarò il sindaco di tutti”

“Sarò il sindaco di tutti, delle romane, dei romani e di tutta la città. Inizia un lavoro straordinario per rilanciare Roma e per farla crescere,…

19 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, in Giappone 232 nuovi casi: sotto i 300 per la prima volta da ottobre 2020

Il ministero della salute giapponese nel bollettino di lunedi 18 ottobre ha riportato 232 nuovi casi di coronavirus, per la prima volta sotto i 300…

19 Ott 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia