Cosa hanno in comune i “due Mario” | T-Mag | il magazine di Tecnè

Cosa hanno in comune i “due Mario”

Poco o nulla, a dire il vero. Anche se...
di Fabio Germani

Era in scena una doppia partita, giovedì sera. O almeno i media presentavano da giorni in questo modo la duplice “sfida” tra Italia e Germania. A Bruxelles l’una, a Varsavia l’altra. La prima era decisiva per le sorti della moneta unica, la seconda staccava il biglietto per Kiev. In entrambi i casi l’Italia schierava un Mario: il premier Monti e l’attaccante del Manchester City Balotelli.
Più o meno è successo questo: il Mario impegnato sul terreno di gioco annientava la difesa tedesca e con due gol garantiva all’Italia l’accesso alla finale del campionato europeo, prossima avversaria la Spagna. L’altro Mario, tra i corridoi e le stanze di palazzo, otteneva (Madrid favorevole, Berlino contraria) che nell’accordo per la crescita venissero incluse le misure volte a contenere lo spread.
Non è l’unico esempio possibile. In questi giorni abbiamo di fatto assistito alla fiera del luogo comune. La Grecia contro la Germania (poi l’Italia, appunto), la Spagna del tiqui-taka e degli aiuti per finanziare il sistema bancario e il Portogallo di Cristiano Ronaldo: una commistione tra calcio e crisi economica intrisa di rigorismo e tattica. Ed ecco infine il trionfo dei due Mario, con tanto di battute ironiche sui social network e fotomontaggi ritraenti talvolta Monti con un look à la Balotelli o Balotelli con la testa di Monti. “Non esistono, credo, due visioni antropologiche più distanti di quelle tra i due. Nessuna relazione”, ci spiega durante una conversazione su Twitter Marco Tarantino, psichiatra e terapeuta della Gestalt. Al giochino, però, non si sono sottratti neppure i giornali, nonostante la consapevolezza di un confronto calcistico e politico tra italiani e tedeschi del tutto casuale. Le vittorie sportive possono tuttavia incrementare una percezione di ottimismo che si ripercuote su altro? “Se ne fa un uso strumentale, certo. Ma da qui a rapportare i due Mario…”, osserva Tarantino.
“Il rapporto non è certo tra le personalità dei due o tre (con Draghi) Mario, ma nella ‘sincronicità’ per abusare di Jung”, risponde invece Giuliano Castigliego, pichiatra e psicoterapeuta, presidente di uma.na.mente. “Accadimenti diversi possono influenzarsi vicendevolmente”, prosegue nella sua disamina Castigliego, offrendo gli spunti per osannare due, tre “stili di gioco e di vittoria che possono dare gratificazioni a breve o lungo termine. Le gratificazioni diversissime per genere e tempi possono, o no, sommarsi in un ottimismo” che può sfociare in “un ‘vaffa’ (come Libero ha titolato in prima pagina rivolgendosi ad Angela Merkel, ndr) o invece costituire una spinta per un condiviso orgoglio di ripresa”.
Un po’ quello che il 10 giugno sostenne il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, a poche ore dall’esordio della nazionale di Prandelli ad Euro2012: “C’è una crisi economica e finanziaria e questa è una cosa. Il calcio è un’altra, ma vincere incoraggia i Paesi che stanno vivendo momenti difficili”. Non è stato così per la Grecia e per il Portogallo, né per l’Irlanda, mentre Italia e Spagna hanno avuto la meglio su entrambi i fronti. Ma lo sport domenica sera avrà decretato il suo verdetto, la crisi, al contrario, è sempre in agguato e non ancora debellata. Monti avrà senz’altro qualche gatta da pelare in più di Balotelli…

 

1 Commento per “Cosa hanno in comune i “due Mario””

  1. […] risposte dell’esponente democratico – anche perché recentemente ci siamo imbattuti in qualcosa di simile – e a intervista conclusa abbiamo rivolto noi alcuni quesiti a Musmarra. “Le risposte brevi […]

Scrivi una replica

News

Governo, Conte: «Aiutateci a rimarginare la crisi in atto»

«Aiutateci a rimarginare la crisi in atto». Lo ha detto il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, intervenendo alla Camera dei deputati. «Cari cittadini, la fiducia…

18 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Navalny: «Nonno-Putin ha paura»

«Ho visto che molte volte si sono fatti beffe del sistema giudiziario ma presumo che il nonno che se ne sta nel bunker (Vladimir Putin,…

18 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Portavoce Navalny: «Mosca non lo fa parlare con l’avvocato»

«L’avvocato di Alexey, Olga Mikhailova, è stata davanti al dipartimento di polizia di Khimki per un’ora, ha presentato alla polizia il suo mandato e le…

18 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue: «Rilascio immediato di Navalny»

La Germania ha chiesto il rilascio immediato dell’oppositore russo, Alexey Navalny, con il ministro degli esteri tedesco che ha definito incomprensibile l’arresto. Anche il presidente…

18 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia