Italia-Germania, meno male che esiste il calcio | T-Mag | il magazine di Tecnè

Italia-Germania, meno male che esiste il calcio

di Fabio Germani

L’Italia è lo spauracchio della Germania. Calcisticamente lo è da sempre, politicamente dipende. Bastano due quotidiani a comprendere la portata dell’impresa sportiva di giovedì sera (che poi, perché impresa? La Germania è squadra tosta, ma pure noi mica scherziamo) proiettata su un’altra dimensione, Libero e Il Giornale: Vaffanmerkel il primo, Ciao ciao culona il secondo.
La signora Merkel è troppo “rigorista” (come ha segnato la Germania?) e non particolarmente gioviale. Ma delusione (di lei, intendiamo) a parte, che c’azzecca la cancelliera tedesca con la partita? Ma non faremo i teorici del giornalismo corretto adesso poiché ce lo aspettavamo, complice oltretutto il Consiglio europeo in fase di svolgimento a Bruxelles (e in archivio abbiamo già diverse riflessioni sull’argomento). Oggi ciò che conta è che Italia e Germania si sono incontrate otto volte nelle competizioni internazionali e otto volte abbiamo vinto noi. Tiè.
Per fortuna è solo calcio, anche se c’è sempre chi è pronto a metterci un po’ di tutto nel calderone. Non che i colleghi tedeschi siano stati da meno. Alla vigilia ci avevano perculati sui soliti luoghi comuni: pizza e mandolino, italiani sciupafemmine (ti rubano le donne così come ti fanno gol all’improvviso o giù di lì). Sintomo inequivocabile di come i crucchi – calcisticamente sempre, eh – ci temessero. E a ragione visto che li abbiamo schiacciati: questa è l’unica verità tecnico-tattica del giorno dopo. Non è un caso se i quotidiani tedeschi venerdì ammettono la nostra superiorità e il senso di frustrazione a vederci godere per l’ennesima volta. Calcisticamente sempre, eh.
La finale sarà tra Italia e Spagna. Non ci lanceremo in pronostici per scaramanzia, ma una vaga idea di come possa concludersi il torneo ce l’abbiamo. Intanto siamo sicuri che il filo conduttore sarà il medesimo: Spagna-Italia, un calcio alla culona (epiteti che però rendono Frau Merkel più simpatica, lasciatecelo osservare) o qualcosa di simile. E poco importa per alcuni chi vincerà in quanto l’importante era far fuori la Germania dall’Euro. Calcisticamente sempre, eh.
Per fortuna è solo calcio. Perché se ci confrontassimo con i tedeschi su altri livelli saremmo presi dallo sconforto oggi, altroché. Meno male che esiste il calcio. Tiè.

 

Scrivi una replica

News

Di Maio: «Ue monitori consegna vaccini agli Stati membri»

«Recentemente abbiamo avuto difficoltà nelle consegne settimanali di vaccini. Vorrei ricordare la necessità che le aziende produttrici si assumano la piena responsabilità della consegna diretta…

25 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ue agli Stati membri: «Scoraggiare tutti i viaggi non essenziali»

La Commissione europea propone che tutti i viaggi non essenziali siano «fortemente scoraggiati finché la situazione epidemiologica non sia migliorata considerevolmente». Una situazione che dovrebbe…

25 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Di Maio a Ue: «La morte di Regeni è una ferita anche europea»

«Gentili colleghi, oggi ricorre l’anniversario della scomparsa di Giulio Regeni. Il suo barbaro omicidio è una ferita ancora aperta in Italia, ma oggi sono qui…

25 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, oltre 99milioni di casi nel mondo

I casi di Covid-19 nel mondo hanno superato quota 99milioni. Le vittime, invece, sono oltre 2milioni.…

25 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia