La situazione economica italiana | T-Mag | il magazine di Tecnè

La situazione economica italiana

“Non siamo in guerra. Ma i danni economici fin qui provocati dalla crisi sono equivalenti a quelli di un conflitto”. Con queste poche parole, il Centro studi di Confindustria descrive la situazione economica del nostro Paese. A essere colpite, spiega l’indagine condotta dal Centro Studi, “sono state le parti più vitali e preziose del sistema Italia: l’industria manifatturiera e le giovani generazioni, quelle da cui dipende il futuro del Paese”.
Nel condurre l’analisi sull’attuale situazione economica, il Centro studi di Confindustria ha ravvisato un’analogia con un passato non tanto recente: “l’aumento e il livello dei debiti pubblici sono analoghi, in quasi tutte le economie avanzate, a quelli che si sono presentati al termine degli scontri bellici mondiali”.
Ed è proprio la riduzione del debito ad essere al centro delle iniziative dei governi dell’eurozona. Obiettivo che si cerca di raggiungere anche tramite una riduzione della spesa sia pubblica sia privata e che, tuttavia, come ha avvisato il presidente di coordinamento delle sezioni riunite della Corte dei Conti, Luigi Mazzillo, “non sarà agevole, in alcuni casi persino non auspicabile, mantenere per lunghi periodi”.
Avvertimento, questo di Luigi Mazzillo, contenuto nella sua relazione per la pronuncia del giudizio di parificazione del Rendiconto generale dello Stato relativo all’esercizio finanziario 2011, dove si riconosce che l’azione di governo nella riduzione della spesa sta avendo successo, “ma – si sottolinea – anche al costo di effetti distorsivi e del rischio di avvio di un circolo vizioso per quanto riguarda la crescita”.
Crescita che tarderà ad arrivare almeno nel breve periodo, infatti, secondo le previsioni avanzate dal Centro studi di Confindustria il Pil italiano è destinato ad una flessione del 2,4% nel 2012 e dello 0,3% nel 2013. Dati in controtendenza agli incrementi dell’1,8% nel 2010 e dello 0,4% nel 2011.
“La recessione italiana si è già concretizzata più intensa”, si legge nella premessa dell’indagine di Viale dell’Astronomia. “Il 90% dell’arretramento di quest’anno è già acquisito nel secondo trimestre (-2,1%)”.
Il 2013 si preannuncia, almeno secondo le stime del Centro studi di Confindustria, come un anno difficile per l’economia, con un Pil in contrazione e con quasi 1,5 milioni posti di lavoro in meno rispetto all’inizio del 2008. Per l’esattezza 1 milione e 482 mila “unità di lavoro equivalenti a tempo pieno”, secondo la stima del Centro studi di Confindustria.
L’occupazione calerà dell’1,4% nel 2012 (-1% già acquisito al primo trimestre) e dello 0,5% nel 2013. “Solo sul finire dell’anno prossimo le variazioni congiunturali – spiegano dal Centro studi – torneranno positive”. Ma nel 2012, a calare sarà anche i consumi. Infatti, la domanda totale calerà del 4,3% (-1% nel 2011). “In particolare – spiegano gli esperti – i consumi delle famiglie diminuiscono nettamente (-2,8%), conseguenza della fiducia al minimo storico, dell’ulteriore riduzione del reddito reale disponibile, della restrizione dei prestiti e dell’aumento del risparmio precauzionale”.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, scontro tra l’Ue e AstraZeneca sui vaccini

Scontro tra Unione europea e AstraZeneca, l’agenzia farmaceutica con sede nel Regno Unito che ha sviluppato uno dei vaccini anti-Covid in collaborazione con l’università di…

27 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Giappone pronto ad estendere lo stato d’emergenza

Il governo giapponese è pronto ad estendere lo stato di emergenza se non si vedrà a breve una stabile diminuzione delle infezioni di coronavirus a…

27 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Mosca torna ad una vita normale

Mosca torna a vivere la normalità. Infatti, il sindaco Serghei Sobyanin, ha rimosso le ultime restrizioni imposte e ha spalancato di fatti le porte a…

27 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, negli Stati Uniti 142mila nuovi casi e 4mila decessi

Nelle ultime 24 ore negli Stati Uniti si sono registrati oltre 142mila casi di coronavirus e 4mila decessi.…

27 Gen 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia