Giappone, si dimette Oxawa del Partito Democratico | T-Mag | il magazine di Tecnè

Giappone, si dimette Oxawa del Partito Democratico

Ichiro Ozawa, esponente di spicco del partito democratico a capo del paese, ha deciso di dimettersi in segno di protesta nei confronti della controversa politica fiscale voluta dal primo ministro Yoshihiko Noda. La spaccatura nel partito è avvenuta in seguito alla decisione del primo ministro di raddoppiare le imposte sulle vendite dal 5% al 10%, nella speranza di ridurre il debito pubblico.
Ozawa, influente veterano della politica giapponese ed ex leader di partito, è stato seguito da 49 parlamentari ribelli (37 deputati e 12 senatori). L’esodo lascia comunque una striminzita maggioranza al partito democratico, tuttavia è probabile che Ozawa formi un suo partito per fronteggiare l’impopolare Noda. Se il totale di ribelli salisse a 54, Noda sarebbe infatti costretto a proclamare elezioni anticipate.
Non è la prima volta che Ozawa adotta un comportamento simile. Infatti, nel 1993, lasciò il partito liberale democratico a capo del paese per creare il proprio partito. Gli elettori tuttavia non sembrano essere d’accordo con l’iniziativa e Noda potrebbe addirittura trarne grossi benefici per consolidare la sua posizione all’interno del partito democratico.

 

Scrivi una replica

News

Germania, l’addio di Merkel: «Provo innanzitutto gratitudine»

Angela Merkel ha “salutato” la Germania. «Oggi provo innanzitutto gratitudine e umiltà di fronte all’incarico che così a lungo ho tenuto», ha detto alla cerimonia…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Oms: «Ancora nessun decesso per Omicron»

Secondo l’Oms al momento non si hanno informazioni su eventuali decessi legati alla nuova variante Omicron del Covid. Lo ha sottolineato oggi un portavoce dell’agenzia…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, ok a provvedimento che evita lo shutdown

Il Congresso americano ha approvato il provvedimento che evita lo shutdown e finanzia il governo fino a febbraio. Dopo la Camera (che aveva approvato in…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Nel 2021 si prevede un aumento del Pil pari al 6,3% e nel 2022 del 4,7%”

“Nel biennio 2021-2022 si prevede una crescita sostenuta del Pil italiano (+6,3% quest’anno e +4,7% il prossimo). L’aumento del Pil sarà determinato prevalentemente dal contributo della…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia