I crimini contro l’umanità in Siria | T-Mag | il magazine di Tecnè

I crimini contro l’umanità in Siria

di Mirko Spadoni

Ventisette centri di detenzione sparsi per tutto il Paese. Ma anche stadi, scuole, basi militari, tutte strutture trasformate in prigioni all’indomani dello scoppio delle proteste nel marzo del 2011. Prigioni dove i carcerieri diventano torturatori e, a volte, carnefici. Questa è la Siria del presidente Bashar al Assad, almeno secondo la versione dell’organizzazione Human Rights Watch.
Nel rapporto multimediale pubblicato nella giornata di martedì, intitolato Torture Archipelago: Arbitrary Arrests, Torture and Enforced Disappearances in Syria`s Underground Prisons since March 2011, l’ong con sede a New York fornisce, oltre a una localizzazione geografica di questi 27 centri, anche dei racconti video di ex detenuti e disegni delle tecniche di tortura usate e riferite dai testimoni. Il regime di Damasco, accusa lo Human Rights Watch, si sta macchiando di “crimini contro l’umanità”.
Assad, nel reprimere le proteste scoppiate nella primavera dello scorso hanno, ha allestito ben 27 prigioni segrete che vengono gestite dalle quattro principali agenzie di intelligence note come “mukhabarat” e dove i detenuti “vengono picchiati, spesso con bastoni o fili elettrici”.
Ma il regime se vuole sa essere molto più brutale, sostengono le 200 persone intervistate dall’ong e che hanno subito sulla propria pelle, nel corso del loro periodo di detenzione in queste strutture, anche elettrochoc, abusi sessuali, strappo delle unghie, ustioni con gli acidi, ma sono stati anche costretti per molte ore in posizioni dolorose o umilianti.
Sofferenze provocate dai propri aguzzini, ma “i chiodi nelle orecchie – ha raccontato ad esempio un ragazzo di 31 anni, che è stato imprigionato in un centro nella provincia nordoccidentale di Idlib – erano la cosa più dolorosa. Impiegavano due fili collegati con una batteria da automobile per darmi scosse elettriche”.
E come se non bastasse, ma viste le premesse c’era da aspettarselo, le condizioni di questi centri di detenzione sono al limite della vivibilità: celle sovraffollate, cibo che scarseggia e l’assistenza medica che viene negata.
Sono duecento le persone intervistate dallo Human Rights Watch, ma molte altre devono aver perso la vita a causa delle torture. Almeno secondo quanto riferiscono i sopravvissuti. Inoltre, da sottolineare, che con la pubblicazione del rapporto, l’ong ha colto l’occasione per chiedere al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite di deferire la situazione in Siria alla Corte penale internazionale (CPI) e di adottare sanzioni credibili e mirate nei confronti dei funzionari implicati negli abusi.

 

Scrivi una replica

News

Speranza: «Dal 16 maggio stop quarantena Paesi Eu e voli Covid tested anche per aeroporti di Venezia e Napoli»

«Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, ha firmato un’ordinanza che prevede l’ingresso dai Paesi dell’Unione Europea e dell’area Schengen, oltre che da Gran Bretagna e…

14 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Giappone: stato d’emergenza in altre tre prefetture

Altre tre prefetture del Giappone si preparano a dichiarare lo stato di emergenza anti-Covid per far fronte ad aumento dei casi di coronavirus locali.  Hokkaido,…

14 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Gaza, 119 le vittime da inizio scontri

Da inizio scontri, il ministero della sanità di Gaza, hanno registrato 119 vittime, tra i quali 31 bambini e 19 donne.…

14 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Afghanistan, Stati Uniti completano ritiro dei soldati da base Kandahar

Gli Stati Uniti hanno completato il ritiro delle truppe dall’aeroporto di Kandahar, nel sud dell’Afghanistan, la seconda più grande base militare nel Paese per le…

14 Mag 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia