Quanti sono i laureati in Italia? | T-Mag | il magazine di Tecnè

Quanti sono i laureati in Italia?

Ragazzi e ragazze hanno interessi diversi e aspirazioni lavorative differenti. E’ quanto emerge da alcuni dati raccolti nel rapporto Ocse Education at a Glance 2012, pubblicato martedì. Tra i quindicenni italiani, spiega chi ha condotto lo studio, il 13,1% spera e vorrebbe esercitare in futuro una professione nel campo dell’ingegneria, dell’informatica o dell’architettura.
Tra i maschi, però, tale percentuale sale al 21,4%, mentre tra le femmine è ferma al 4,9%, con una differenza pari a ben 16,5 punti percentuali, una differenza nettamente superiore alla media Ocse di 13,6.
Tale divario si riscontra quando si esaminano le lauree conseguite in questi settori: nonostante, infatti, nell’insieme dei laureati le donne siano il 59%, per le lauree in materie ingegneristiche, di produzione e costruzione questa percentuale scende al 33%.
Ma mentre i ragazzi preferiscono ingegneria, informatica e architettura, le donne, invece, sembrano avere una maggiore propensione verso il settore dell’assistenza sanitaria e sociale: il 15,3% delle ragazzine quindicenni, desidera ottenere, in futuro, un posto di lavoro in questo settore (assistenza medica, infermieristica e ostetrica), contro il 7,9% dei maschi.
I dati confermerebbero tale tendenza: il 69% dei laureati in facoltà o aree di ricerca di ambito socio-sanitario, infatti, è di sesso femminile.
Più in generale i laureati in Italia sono il 15% della popolazione, soglia che equivale alla metà della media Ocse (al 31%). Il nostro Paese, in questo senso, risulta al 35esimo posto su 41 Paesi. Nella fascia d’età 55-64 anni solo l’11% della popolazione ha una laurea in Italia, ma la quota aumenta fino a raggiungere il 21% tra i 25-34enni, soprattutto grazie all’introduzione della laurea breve. Il tasso di disoccupazione tra i laureati, infine, è cresciuto dal 5,3% al 5,6% tra il 2002 e il 2010.
Sempre nell’ambito dell’istruzione, nel rapporto si analizza anche la spesa annua per studente in Italia e la si compara con la media Ocse: i dati parlano di una spesa media italiana sostanzialmente in linea con quella Ocse (9.055 dollari a fronte di 9.249).
Tuttavia, passando dall’asilo all’università i livelli di spesa nel nostro Paese cambiano e di molto.
La spesa per studente, infatti, è al di sopra della media Ocse dall’asilo alle elementari (è una tra le più alte se riferita ai bambini di tre/quattro anni, 93 e 97% contro rispettivamente 66 e 81%).
Mentre all’università scende di parecchio sotto la media Ocse attestandosi a 9.562 euro a fronte di 13.728.
Il rapporto Ocse sottolinea anche che nel 2009 la spesa per l’istruzione in Italia è stata pari al 4,7% del Pil a fronte di una media Ocse del 5,8%. Se comparata al totale della spesa pubblica, quella per l’istruzione nel nostro Paese (9%) è la seconda più bassa. Solo il Giappone ha fatto peggio.

 

Scrivi una replica

News

Coronavirus, Figliuolo: «La campagna vaccinale procede regolarmente»

«La campagna» vaccinale «va avanti e procede in maniera regolare». Così il commissario straordinario per l’emergenza Covid-19, Francesco Paolo Figliuolo, annunciando un’imminente consegna di dosi…

22 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ambiente, Draghi: «Dobbiamo cambiare il modo di lavorare e dobbiamo farlo rapidamente»

«Dobbiamo cambiare il modo di lavorare e dobbiamo farlo rapidamente». Così il presidente del Consiglio, Mario Draghi, al summit con i leader internazionali, in occasione…

22 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Ambiente, Biden: «Gli Usa taglieranno le emissioni tra il 50 e il 52% entro il 2030»

Gli Stati Uniti ridurranno le emissioni di gas serra tra il 50 e il 52% entro il 2030. Lo ha annunciato il presidente statunitense, Joe…

22 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Gelmini: «Il coprifuoco non durerà fino al 31 luglio»

«Il fatto che nel testo del decreto varato ieri non sia stato riprogrammato il coprifuoco, non significa che durerà fino al 31 luglio. Questa è una lettura…

22 Apr 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia