Addio carta nelle scuole? | T-Mag | il magazine di Tecnè

Addio carta nelle scuole?

Buona parte degli studenti è tornata o sta tornando a sedersi dietro i banchi di scuola. E nell’augurare buona fortuna a tutti gli alunni, il ministro dell’Istruzione, Francesco Profumo, ha colto l’occasione per annunciare anche alcune innovazioni che in un futuro prossimo verranno introdotte nel mondo della scuola italiana. Il governo, secondo quanto annunciato dal ministro stesso, ha intenzione di garantire a tutte le classi scolastiche di medie e superiori un computer e un tablet per ogni insegnante delle regioni Puglia, Campania, Sicilia e Calabria.
Il programma dell’esecutivo è ambizioso e per far si che ciò accada, il ministero ha stanziato già le prime risorse: 24 milioni di euro che serviranno all’acquisto dei computer.
Il processo di digitalizzazione, ha puntualizzato il ministro, comincerà già dalle prossime settimane, quando verranno consegnati i primi pc.
Nello specifico 8,6 milioni di euro saranno investiti per fornire di un computer le 34.558 classi di scuole medie e 15 mila, 6,5 milioni di euro, invece, serviranno per rifornire le 62.600 classi delle superiori.
L’investimento del governo sarà pluriennale: 24 milioni sono stati già stanziati, altri soldi arriveranno dai fondi europei del programma Formez e saranno usati per acquistare i tablet.
I piani del ministero prevedono l’utilizzo di 31,8 milioni di euro per comprare i tablet da consegnare poi ai professori delle 2.128 scuole coinvolte. Nello specifico 712 scuole sono in Campania (59,9%), 599 in Puglia (85,3%), 233 in Calabria (57,2%) e 584 in Sicilia (58,3%).
La digitalizzazione comporta, naturalmente, un investimento iniziale notevole che, stando alle previsioni del governo, permetterà “un risparmio complessivo di circa 30 milioni di euro”, sostiene Profumo.
Oltre alla razionalizzazione della spesa, l’obiettivo del governo è quello, spiega Profumo, di “creare un sistema formativo più equo capace di fornire un’alta qualità della formazione e di formare i cittadini del domani per i quali il mercato del lavoro non potrà essere solo italiano, ma almeno europeo o internazionale”.
Con l’apertura del nuovo anno scolastico, il governo ha quindi annunciato la decisione di aumentare la spesa pubblica: “Le risorse – ha detto il ministro – passano dai 200 milioni di euro dello scorso anno ai 240 di quest’anno, con un aumento del 33%”. Tutto questo, pochi giorni dopo le stime diffuse dall’Ocse che parlavano di un Paese, il nostro, nettamente indietro rispetto agli altri negli investimenti nel mondo dell’Istruzione.

 

Scrivi una replica

News

Germania, l’addio di Merkel: «Provo innanzitutto gratitudine»

Angela Merkel ha “salutato” la Germania. «Oggi provo innanzitutto gratitudine e umiltà di fronte all’incarico che così a lungo ho tenuto», ha detto alla cerimonia…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Coronavirus, Oms: «Ancora nessun decesso per Omicron»

Secondo l’Oms al momento non si hanno informazioni su eventuali decessi legati alla nuova variante Omicron del Covid. Lo ha sottolineato oggi un portavoce dell’agenzia…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Stati Uniti, ok a provvedimento che evita lo shutdown

Il Congresso americano ha approvato il provvedimento che evita lo shutdown e finanzia il governo fino a febbraio. Dopo la Camera (che aveva approvato in…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »

Istat: “Nel 2021 si prevede un aumento del Pil pari al 6,3% e nel 2022 del 4,7%”

“Nel biennio 2021-2022 si prevede una crescita sostenuta del Pil italiano (+6,3% quest’anno e +4,7% il prossimo). L’aumento del Pil sarà determinato prevalentemente dal contributo della…

3 Dic 2021 / Nessun commento / Leggi tutto »
Testata registrata presso il tribunale di Roma, autorizzazione n. 34/2012 del 13 febbraio 2012
Edito da Tecnè S.r.l - Partita Iva: 07029641003
Accedi | Disegnato da Tecnè Italia